Il PCI incontra il Presidente del Vietnam

Nota stampa a cura del Dipartimento Esteri del PCI

tran-dai-quang

Una delegazione vietnamita di alto livello guidata dal Presidente della Repubblica, compagno Tran Dai Quang, e composta da tra gli altri dal Segretario del PCV di Hanoi, compagno Hoang Trung Hai, e dall’Ambasciatore del Vietnam in Italia, compagno Cao Chinh Thien ha incontrato il Partito Comunista Italiano.

La delegazione italiana, guidata dal Segretario Nazionale compagno Mauro Alboresi era composta da: Fosco Giannini, Responsabile Esteri e membro della Segreteria Nazionale, Francesco Maringiò, della Direzione e del Dipartimento Esteri, Renato Darsiè, del PCI di Venezia e dell’Associazione Italia Vietnam.

L’incontro bilaterale è stata l’occasione per un confronto fraterno e l’affermazione della reciproca amicizia e voglia ad intensificare i rapporti tra i due partiti. Nel suo intervento, il compagno Tran Dai Quang ha sottolineato i recenti appuntamenti politici del suo paese, a partire dall’esito del 12mo Congresso del Partito Comunista Vietnamita, che ha portato alla rielezione del compagno Nguyen Phu Trong, e dell’elezione della 14ma legislatura del parlamento vietnamita.

Questi successi sono il frutto di un profondo lavoro. Da quando il governo di Hanoi ha avviato nel 1986 la “Doi Moi” (la politica delle “porte aperte”), il reddito medio pro capite è passato da 100 dollari a circa 1.700 dollari e nel 2015 il paese ha avuto una crescita del 6,7%, diventando uno dei più dinamici del Sud Est asiatico.

Il PCI ha illustrato i punti salienti del proprio congresso fondativo ed espresso ammirazione per l’esperienza straordinaria del popolo e del governo vietnamita, che ha saputo vincere una importantissima battaglia per l’indipendenza nazionale, contro l’aggressione colonialista ed imperialista.

L’incontro si è concluso con l’impegno ad organizzare una visita ufficiale del PCI in Vietnam, che recentemente ha ospitato il Meeting internazionale dei partiti comunisti ed operai, e rafforzare così, per questa via, i rapporti tra i due partiti ed i due paesi.