LE NUOVE FORME DELLA SOLIDARIETA’ INTERNAZIONALISTA

di Renato Darsiè – PCI Venezia, delegato dell’Ambasciata del Viet Nam per il Veneto

 

Nel mese di Novembre Italia Viet Nam – Comitato regionale Veneto, con i compagni della Federazione del PCI di Venezia hanno effettuato in Ha Noi una CONFERENZA SULLE NUOVE SOLIDARIETA’.

Erano presenti per l’Italia le delegazioni di Venezia, Belluno, Brescia, Genova Torino.

Perché della Conferenza.

Da quando, negli anni 60/70, il Popolo Italiano donava il sangue ai combattenti Viet Kong, inviava chinino contro la malaria, faceva sottoscrizioni per la ricostruzione degli ospedali bombardati dagli USA, i lavoratori italiani scioperavano per la fine della guerra ed i portuali non facevano entrare le navi mercantili Usa nei porti (nel 1972 per ben quattro mesi i portuali di Venezia e Genova hanno tenuto in rada i mercantili USA). Sono passati più di 40 anni e il mondo si è completamente trasformato: URSS è finita, l’assetto del dominio mondiale USA è messo in discussione, la globalizzazione economica ed il pensiero unico hanno modificato esigenze e necessità dei popoli, di conseguenza la solidarietà internazionalista per essere efficace, necessita di adeguarsi a queste nuova realtà.

La conferenza si è svolta presso la sede del VUFO, in un teatro strapieno di giovani e meno giovani, dell’Associazione degli Intellettuali Vietnamiti, dell’Ambasciatrice dei Vietnamiti Canadesi, del Direttore generale del Ministro dell’Industria e dei Trasporti, di molti ex Ambasciatori  Vietnamiti in Italia, degli studenti e dai professori dei corsi di Italiano all’Università di Ha Noi, da rappresentanti del PCV di Ha Noi e di una folta delegazione dell’Ambasciata Italiana cappeggiata l’Ambasciatrice Cecilia Piccioni e di singoli cittadini.

La discussione ha cavalcato I temi che avevamo indicato negli atti preparatori.

Nei nostri interventi:

–     abbiamo messo al primo posto la lotta per la PACE, perché si è aperta una fase pericolosissima pari a quella che nei primi del 900 produsse le 2 Guerre mondiali e la crisi del ‘29 passando il dominio dall’Europa all’USA,

–     abbiamo posto la necessità di lottare contro l’economia di rapina e per una politica economica del RECIPROCO INTERESSE che sconfigga le politiche del pensiero unico e della globalizzazione

–   abbiamo posto la necessità di difendere l’IDENTITA STORICO CULTURALE di ogni Popolo affinché una politica di AUTONOMIA ed AUTODETTERMINAZIONE permetta un’efficace lotta alle nuove POVERTA’, alle DISEGUALIANZE economiche e allo SVILLUPPO INEGUALE.

Abbiamo posto la necessità di affrontare i problemi derivanti dalla rivoluzione industriale e del ruolo che le donne lavoratrici hanno in questa speciale fase, per costruire una coscienza comune del diritto, della dignità sul lavoro e dell’eguaglianza salariale

–          Abbiamo invitato i Compagni Vietnamiti a considerare  l’importanza per i Popoli oppressi dell’intero pianeta, e per le classi lavoratrici occidentali, se si realizzasse in Viet Nam un SOCIALISMO moderno come speranza alla soluzione dei gravi problemi economici, delle ingiustizie sociali e politiche, delle libertà individuali e collettive che viviamo in questa fase.

–          Abbiamo proposto all’organismo che raggruppa tutte le Associazioni di Solidarietà Vietnamite – il VUFO – di verificare l’opportunità di effettuare, sui temi indicati, una conferenza mondiale sulle nuove solidarietà.

I Compagni del Veneto, oltre a tutto ciò oggi stanno sperimentando attraverso alcune iniziative:

Il RECIPROCO INTERESSE In economia

Da una diecina d’anni, il Governo vietnamita ha favorito lo sviluppo agricolo per il mercato interno e per l’esportazione, passando dall’economia dell’autoproduzione alla fornitura di grandi quantità di prodotti per la grande distribuzione, ove si è posto il problema di migliorare le condizioni sanitarie alimentari interne che quelle per l’esportazione considerando che in Europa e negli USA esistono norme sanitarie molto diverse da quelle asiatiche. Questo avviene solo disponendo di impiantistica in grado di assicurare la lavorazione e la conservazione dei prodotti con livelli di sicurezza sanitaria europei.

Abbiamo individuato la società TURATTI di Cavarzere (VE) che fornisce in Europa, negli USA e in Giappone ecc. macchine per la conservazione e la lavorazione della frutta e della verdura che ha interesse a svilupparsi nel mercato asiatico. ha trovato in Viet Nam le condizioni ideali per realizzare una struttura impiantistica dove saranno costruiti singoli macchinari (gli impianti continueranno ad essere realizzati in Italia), oltre alla struttura per l’assistenza degli impianti nell’intera Asia. In un anno e mezzo, il progetto è stato in grado di dar il via alla produzione dal 1 Gennaio 2017, dopo aver costituito una società mista, l’impianto d’officina e fatto venire a Cavarzere una ventina di tecnici che hanno fatto per mesi gli stage nelle officine di produzione.

Il Viet Nam : 1) acquisisce immediatamente l’impiantistica studiata appositamente per i suoi prodotti agricoli a prezzi inferiori al mercato internazionale, : 2) si forma nel paese una conoscenza tecnologica di gruppo, la Turatti crea le condizioni per il suo ingresso nel mercato asiatico.

 Valorizzazione del lavoro nel Reciproco interesse tra comunità e Popoli

Abbiamo dato avvio al gemellaggio tra la Regione Veneto e la Provincia di Vung Tau;

Provincia scelta per la particolare dinamica economica con caratteristiche produttive, industriali, agricole e turistiche che assomigliano a quelle Venete e con collegamenti navali già esistenti da un paio di anni tra Venezia e il Porto di Vung Tau, nel sud del Viet Nam.

 Collaborazione dell’Università IUAV di Venezia e la Città di Ho Chi Minh City:

L’Università di Venezia ha acquisito esperienze sul campo della difesa dalle acque alte a Venezia e in America Latina che possono essere utili alla Città di Ho Chi Minh. Dopo l’incontro con i responsabili del Comune  si sta già discutendo sul merito del protocollo da firmare per la realizzazione delle ricerche e del progetto.

Con l’Università di Cà Foscari, da tempo collaboriamo per la realizzazione di un corso di lingua e letteratura vietnamita

Per la prima volta stiamo sperimentando la disponibilità di una studio di Architettura di Venezia e di Brescia, che hanno dato la loro disponibilità ad effettuare dei progetti e direzioni lavori gratuite, per plessi ad uso sociale quali scuole, asili nido, centri sociali ecc..

La Solidarietà tra la classe operaia Italiana e Vietnamita, con la CGIL veneziana abbiamo avviato un rapporto con le associazioni di solidarietà Vietnamite e poi con i Sindacati locali sulle problematiche relative alla CONTRATTAZIONE di GENERE

Come si può vedere oggi siamo in grado di definire una nostra proposta per il Viet Nam e aggiornare quella per i nostri rapporti internazionali.