Home Esteri PER UN’EUROPA DEI LAVORATORI E DEI POPOLI

PER UN’EUROPA DEI LAVORATORI E DEI POPOLI

957
0

Pubblichiamo l’Appello sottoscritto da Partiti Comunisti e da Partiti e forze della sinistra anticapitalista per le prossime elezioni europee del 2019. L’Appello, per la stesura del quale il PCI ha fornito, in ogni tappa politica e in ogni incontro, il proprio contributo, rappresenta la positiva sintesi della discussione avvenuta tra le forze firmatarie. Un documento che ha teso a superare le fisiologiche e normali diversità di vedute sull’Unione europea tra le varie forze, in virtù dell’esigenza suprema di mettere a fuoco la durezza delle politiche liberiste e antisociali dell’Ue e la necessità di un lavoro comune nella denuncia e nella lotta. L’Appello, che non vuole dettare vincoli o linee politiche ed elettorali alle forze comuniste e di sinistra dei vari Paesi, ha già l’importante funzione di porsi come un punto di riferimento per la mobilitazione delle lotte più avanzate, comuniste e anticapitaliste, contro l’Ue. A partire dalle prossime elezioni per il Parlamento europeo del maggio 2019.

( Fosco Giannini, Responsabile Dipartimento Esteri PCI)

 

PER UN’EUROPA DEI LAVORATORI E DEI POPOLI

sostieni il partito

Appello comune dei Partiti Comunisti e di Partiti e forze della sinistra anticapitalista per le elezioni del Parlamento europeo 2019

Le elezioni per il Parlamento europeo trovano i lavoratori e i popoli degli Stati membri dell’Unione europea (UE) di fronte a enormi difficoltà e ostacoli. I lavoratori   si scontrano con la precarietà del lavoro e l’insicurezza sociale, le disuguaglianze, la povertà e con l’attacco alle retribuzioni, alle pensioni e ai loro diritti. I popoli, e in particolare i giovani, stanno sperimentando la disoccupazione, la migrazione economica forzata, il declino dell’accesso all’istruzione, alla salute e all’abitazione. Una situazione che è espressione delle politiche di sfruttamento e impoverimento intensificate dell’UE.

Le asimmetrie e le disuguaglianze di sviluppo tra gli Stati membri dell’UE si sono approfondite. La stessa UE  è in crisi e deve affrontare gravi disordini.

L’UE, le classi dominanti e le forze che la rappresentano non possono più nascondere il crescente malcontento sociale che le loro politiche stanno provocando: il neoliberismo nell’economia, la struttura non democratica e centralizzata del suo funzionamento, il militarismo e l’interventismo nelle relazioni internazionali. Oggi, ci sono molti altri che ammettono che le dichiarazioni e le promesse dell’UE e delle forze che la stanno guidando sono state smentite. La realtà che i popoli dei nostri paesi devono affrontare è molto diversa.

– Invece di “prosperità”, i popoli nell’Unione europea contano a milioni disoccupati, senzatetto e poveri, mentre miliardi di euro vengono convogliati per salvare le banche. I servizi pubblici e le imprese pubbliche vengono privatizzate, i beni sociali commercializzati. Le perdite bancarie si stanno trasformando in debito pubblico  sulle spalle dei lavoratori.

– Invece di “democrazia e libertà”, vengono implementati nuovi meccanismi per controllare i cittadini e controllare il controllo di Internet. Le libertà democratiche, compresi i diritti sindacali, sono sotto attacco. L’ultra-destra e il neofascismo, che erano stati sconfitti dalla lotta dei popoli nel 20° secolo, appaiono di nuovo in Europa, mentre l’anticomunismo e la falsificazione della storia europea assumono un carattere istituzionale. In alcuni Stati membri, le forze di estrema destra partecipano al governo, mentre il sistema consente loro di diffondere il veleno dell’odio razzista, della xenofobia, dello sciovinismo, del sessismo e dell’omofobia, mettendo in discussione l’idea di uguaglianza.

– Invece di “pace”, l’UE sta costantemente militarizzando e approfondendo il suo legame organico con la NATO. Ora, con la creazione di una cooperazione strutturata nel campo militare (PESCO), si è manifestata una nuova fase del militarismo che, tra le altre cose, significa più spesa militare e “spostamento di investimenti” verso l’industria delle armi e il commercio di armi. Allo stesso tempo, l’UE è coinvolta in una escalation di interventi e aggressioni contro Stati e popoli, esemplificata dalla sua complicità con Israele di fronte al dramma vissuto dal popolo palestinese.

– Invece di difendere l’ambiente, l’UE subordina le sue politiche ambientali alle leggi del mercato. Gli scandali delle industrie multinazionali che violano la legislazione sull’ambiente e l’incapacità di prendere le decisioni necessarie per combattere i cambiamenti climatici e le drammatiche conseguenze dei problemi ambientali per i popoli testimoniano il divario tra dichiarazioni e azioni.

– Invece di solidarietà e di fronte alle cause che portano milioni di persone a lasciare i loro paesi, l’UE persegue politiche che aumentano e peggiorano la situazione. Il suo coinvolgimento negli interventi imperialisti in Medio Oriente e nell’Africa settentrionale ha moltiplicato il numero dei rifugiati. I fardelli del passato coloniale in combinazione con le politiche neocoloniali di sfruttamento dei paesi dell’Africa e dell’Asia, hanno creato un circolo vizioso di povertà e sottosviluppo che porta i loro popoli a cercare una vita migliore in Europa. Allo stesso tempo, la grande  maggioranza dei paesi europei sta  utilizzando rifugiati e migranti come forza lavoro a basso costo che desidera sfruttare per indebolire i rapporti di lavoro. Nessuno dubita che la migrazione e la crisi dei rifugiati sia una questione complessa e multidimensionale. Tuttavia, il militarismo, il razzismo e la xenofobia non possono mai essere la risposta. Le forze progressiste sono chiamate a lottare in ogni stato membro dell’UE per dare risposte in conformità al diritto internazionale e per far prevalere  i principi di solidarietà, internazionalismo e unità di classe dei lavoratori.

I popoli vogliono e hanno bisogno di un’altra Europa – Un’altra Europa è possibile!

Oltre al quadro dei trattati, delle politiche comuni e del patto di stabilità, negli ultimi anni l’UE ha creato un meccanismo draconiano per esercitare un controllo soffocante sui bilanci e sulle politiche fiscali degli Stati membri attraverso il trattato fiscale, la “governance economica” e il “Semestre europeo”; l’Unione economica e monetaria si sta approfondendo; i rapporti economico-politici di dipendenza vengono istituzionalizzati; la sovranità per l’esercizio di una politica diversa a livello nazionale viene annullata, la democrazia e il diritto allo sviluppo socioeconomico del popolo sono indeboliti. La “Banking Union” sta spingendo per una gigantesca concentrazione di capitali e per  il controllo dei sistemi finanziari degli Stati. Gli accordi di libero scambio con i potenti centri del mondo (come il CETA con il Canada), in combinazione con il commercio neo-coloniale con le periferie in via di sviluppo del mondo,costituiscono l’aspetto fenomenico di un modello economico profondamente ingiusto e sfruttatore.

La crisi nell’UE – un risultato del capitalismo e delle sue contraddizioni – ha messo in luce in modo drammatico tutti i problemi e ha dimostrato che la costruzione dell’UE non è riformabile nella sua essenza, poiché i suoi trattati definiscono una struttura neoliberista e militarista. Un percorso di cooperazione efficace in Europa dovrà necessariamente basarsi sui principi di sovranità, libertà, democrazia, progresso sociale e pace.

Un’altra Europa è possibile, necessaria e più urgente che mai. Un’altra Europa – un’Europa che servirà i lavoratori, i popoli e i loro bisogni – può nascere attraverso un cambiamento radicale delle fondamenta su cui è stata costruita l’UE. Un cambiamento radicale concepito e deciso dai lavoratori e dai popoli d’Europa.

La storia del continente europeo è piena di eredità militanti e rivoluzionarie. Dimostra che i popoli – con i lavoratori e i giovani come forza pionieristica – possono, con le loro lotte, fermare gli attuali attacchi e le misure barbariche; ancora una volta bloccare la strada all’estrema destra e al fascismo; aprire la strada a importanti trasformazioni sociali di carattere anti-imperialista e anti-monopolista; fornire un’alternativa al capitalismo e ai suoi vicoli ciechi; ancora una volta proiettare la  speranza di costruire nuove società, per il progresso, la pace e la giustizia sociale.

Uniamo le forze.
Rafforziamo le lotte

Le forze comuniste, progressiste, anticapitaliste, anti-neoliberali, di sinistra ed ecologiste che firmano questo Appello considerano che le imminenti elezioni del Parlamento europeo il prossimo maggio rappresentino un’opportunità significativa per la nostra lotta per il presente e il futuro dei nostri paesi e tutto il continente.

Sappiamo che il pericolo dell’ultra-destra rappresenta oggi una grave minaccia per il nostro continente e per i suoi popoli, che è anche incoraggiato dall’Amministrazione Trump negli Stati Uniti. Le forze dominanti e gli interessi dell’UE non possono frenare questa minaccia perché sono le loro politiche che coltivano il terreno generandolo, mentre alcuni addirittura collaborano apertamente con l’ultra-destra. Solo le forze del progresso, le forze che lottano per il lavoro e i diritti sociali, così come per la sovranità dei popoli, possono essere il bastione della resistenza all’estrema destra e al fascismo. Ecco perché il loro rafforzamento è l’opzione per ogni cittadino democratico e progressista di ciascuno dei nostri paesi.

Invitiamo i lavoratori, i giovani, le donne e, in generale, i popoli degli Stati membri dell’UE a esprimere le loro richieste, aspirazioni, lotte e visioni con il loro voto alle elezioni per il Parlamento europeo, rafforzando le forze che – come noi, le parti che firmano questo appello – sono in prima linea nelle lotte sindacali e sociali e si impegnano a continuare la lotta.

Per un’Europa dei diritti sociali

Questo serve a coloro che producono la ricchezza e guidano l’economia, cioè i lavoratori; ciò garantisce posti di lavoro permanenti, e dignitosi per tutti;  ciò ripristina e promuove  diritti sociali;  difende e promuove i servizi pubblici;  garantisce il diritto all’istruzione e al lavoro per le giovani generazioni e un tenore di vita dignitoso per gli anziani e i gruppi sociali vulnerabili;ricostruisce e amplia le infrastrutture sociali fornendo sostegno a famiglie, bambini, persone con disabilità.

Per un’Europa di progresso economico, sociale ed ecologicamente sostenibile

 Per un percorso di sviluppo sociale ed economico per il nostro continente che promuova una convergenza reale e sempre crescente tra i diversi paesi; che dovrebbe basarsi su programmi di investimenti pubblici per le politiche sociali, sull’uso sostenibile delle risorse naturali e sulla protezione dell’ambiente; che adotti misure radicali contro i cambiamenti climatici, assicurando nel contempo la giustizia sociale; che promuova il potenziale produttivo di ciascun paese, rispettando il diritto allo sviluppo e un modello di sviluppo sostenibile; che garantisca sovranità e sicurezza alimentare; che difenda il carattere pubblico dei settori strategici di ciascun paese e sostenga  le piccole e medie imprese; che metta fine ai paradisi fiscali, ai movimenti di capitali liberi e deregolati e che combatta e tassi le attività speculative del capitale.

Per un’Europa di pace e cooperazione con tutti i popoli del mondo

Un’Europa che rispetti la Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale, compresi i principi dell’autodeterminazione dei popoli e dell’integrità territoriale e della sovranità degli Stati; che rifiuti la corsa agli armamenti e la militarizzazione delle relazioni internazionali; che agisca per la fine delle interferenze esterne aggressive e delle aggressioni esterne; che metta fine ad alleanze militari aggressive come la NATO e all’esistenza di basi straniere e si batta per il disarmo, compresa la rimozione di tutte le armi nucleari dal territorio degli stati membri e l’abolizione totale delle armi nucleari. Per un’Europa che promuova la cooperazione e l’amicizia tra i popoli di tutto il mondo, uguali e reciprocamente vantaggiosi, in una cooperazione politica, economica, sociale, culturale.

Per un’Europa della democrazia, della cooperazione tra Stati sovrani con uguali diritti

Per un’Europa che rispetti la democrazia e la partecipazione democratica, la sovranità e la parità dei diritti dei suoi stati, la diversità culturale e l’identità di ogni popolo, i diritti delle minoranze; un’Europa che non dovrà essere governata da direzioni, lobby e stati più potenti, ma dai popoli.

Lavoriamo insieme e rafforziamo il gruppo della sinistra al Parlamento europeo

Infine  svilupperemo ulteriormente la nostra cooperazione e ci impegniamo a lavorare nel gruppo della Sinistra unitaria europea / Sinistra verde nordica (GUE / NGL) al Parlamento europeo sulla base dell’uguaglianza e del rispetto reciproco delle nostre differenze, percorsi, esperienze e peculiarità; per continuare la nostra azione congiunta attraverso il GUE / NGL come un’arena di cooperazione per molte soggettività.

Riaffermiamo il carattere e l’identità di questo gruppo parlamentare come uno spazio confederale di cooperazione tra forze comuniste, operaie, progressiste, di sinistra ed ecologiste, il cui obiettivo  comune è asserire, proporre e difendere politiche progressiste e distintamente diverse da quelle che la destra e la socialdemocrazia hanno perseguito e continuano a perseguire: occorre osare ed esprimere un contenuto della lotta diretto ad un altro percorso per l’Europa.

Firmando questo Appello, ci impegniamo a difendere questi obiettivi e linee guida. Più grande sarà la nostra forza, più forte sarà la lotta per un’Europa di cooperazione, progresso sociale e pace.

  1. Akel di Cipro
  2. Partito Comunista Austriaco, KPOE
  3. Partito del Lavoro  PTB-PVDA, Belgio
  4. Partito Comunista di Boemia e Moravia
  5. Partito Comunista di Danimarca
  6. Partito Comunista della Danimarca
  7. Partito Comunista di Finlandia
  8. Partito Comunista Francese
  9. Partito Comunista Tedesco, DKP
  10.  Die Linke, Germania
  11. Partito Comunista Italiano, PCI
  12. Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea
  13. Partito Comunista del Lussemburgo
  14. Partito Comunista di Malta
  15. Partito Comunista Portoghese
  16. Partito Comunista di Spagna,PCE
  17. Izquierda Unida, Spagna
  18. Comunisti di Catalogna
  19. Sinistra Unita e Alternativa ( Catalogna)
  20. Anova Irmandade Nacionalista (Galizia, Spagna)
  21. Partito Comunista Britannico

L’appello è aperto ad altre sottoscrizioni

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Solve : *
30 × 13 =