Partito Comunista Italiano

Sito ufficiale del PCI

7 aprile: Giornata mondiale della salute – Esigiamo la salute pubblica gratuita per tutti

Traduzione e introduzione di Lorenzo Battisti, Dipartimento Esteri PCI

Traduciamo questo importante comunicato della Federazione Mondiale dei Sindacati, la centrale che riunisce il sindacalismo di classe del mondo. Dallo scoppio della crisi del 2008, il sindacalismo di classe mondiale sta acquistando iscritti e influenza, mentre al contempo il sindacalismo riformista legato alla Confederazione europea dei sindacati (CSE) e alla Confederazione Internazionale dei Sindacali (ex-Cisl internazionale) perdono iscritti. La ragione è semplice: diventa sempre più evidente che le strategie dei sindacati riformisti portano a un adattamento di diritti e salari alle necessità del capitale. Questo significa che, in tempo di crisi, si generalizzano anche nei paesi sviluppati le dinamiche sempre attive nei paesi sfruttati: se in tempi normali, nel centro del mondo alcuni strati di lavoratori possono ottenere moderati miglioramenti grazie alle strategie riformiste, in tempo di crisi, anche qui, il riformismo è taglio indiscriminato di salari, diritti, salute. La differenza tra il sindacalismo di classe e il sindacalismo riformista appare evidente da questo comunicato, che può essere confrontato con le arrendevoli prese di posizione degli altri sindacati riformisti. Per questo ritengo sia auspicabile che i comunisti sostengano il sindacalismo di classe italiano aderente alla FSM (a cui aderisce l’USB), e qualora militino in altri sindacati si organizzino per portare avanti una linea di classe e chiedere che la propria federazione o la propria confederazione aderisca alla Federazione Mondiale dei Sindacati o apra con essa un confronto.

Il re è nudo

L’intero pianeta si trova nel profondo della pandemia del Coronavirus. Ad oggi, secondo i dati ufficiali, ci sono 921.002 pazienti e 46.153 decessi.

La situazione è tragica in tutti i continenti. Migliaia di famiglie sono in lutto per la morte dei loro cari, centinaia di migliaia soffrono per la malattia e milioni di persone vivono nell’ansia e nella paura. Esprimiamo la nostra solidarietà a tutti.

Monopoli e gruppi multinazionali stanno sfruttando la pandemia e licenziando i lavoratori o limitando i loro diritti. Molti governi, con il pretesto del Coronavirus, stanno eliminando i diritti democratici e sindacali. Questi governi mirano a monitorare i movimenti e le azioni dei cittadini con mezzi elettronici. È un fenomeno globale che, nel contesto della pandemia, le libertà sono in gioco.

Questa situazione ha rivelato ancora una volta la barbarie del sistema sociale di sfruttamento in cui viviamo e la sua incapacità di affrontare le crisi a favore dei popoli.

Per quanto i governi capitalisti, la borghesia e i dirigenti dei sindacati riformisti cerchino di oscurare la verità e di nascondere le responsabilità del sistema capitalista, non ci riusciranno.

Non saranno in grado di mettere in quarantena il pensiero del popolo. Non potranno impedire alla gente comune di pensare e giudicare, di trarre conclusioni dalla propria esperienza.

E le condizioni in cui viviamo in questo momento lo dimostrano:

PRIMO: Si riafferma la superiorità morale della classe operaia contro il parassitismo della classe dirigente. In un momento in cui i parassiti speculano, i lavoratori che rischiano la vita in prima linea nella lotta contro la pandemia producono tutti i beni vitali. In un momento in cui grandi industriali, re, cardinali si nascondono nei loro palazzi, operai manuali e intellettuali si battono in prima linea per produrre cibo, medicine, trasporti, pulizie, comunicazioni, energia e tutti i mezzi necessari alla vita. I contadini poveri si uniscono agli sforzi delle classi lavoratrici per continuare la produzione di beni.

 Sulla sponda opposta c’è la classe dirigente speculativa. Spietata e disumana, sfrutta la pandemia e aumenta i prezzi, ruba dalle tasche della gente comune, nasconde i prodotti per creare scarsità artificiale. Come nelle guerre, in tutte le crisi, credono in un solo Dio: il profitto.

Così da una parte c’è la classe operaia con i suoi alleati e dall’altra la borghesia con i suoi strumenti. Due mondi. Due moralità.

SECONDO: Chi sopporta il pesante fardello del ricovero e delle cure? È il settore privato o quello pubblico? In molti paesi europei, nella disperazione, la gente comune esce sui balconi e applaude gli eroi della sanità pubblica. Ospedali pubblici, scienziati nelle strutture sanitarie pubbliche. Questo sistema pubblico calunniato, i medici denigrati, le infermiere diffamate e tutto il personale infangato stanno portando avanti la loro lotta ineguale. Lottano in modo disomogeneo perché tutti coloro che per anni hanno abbaiato per chiedere “meno Stato e più privatizzazioni”, i governi socialdemocratici e neoconservatori, con le loro politiche hanno privato il settore pubblico di risorse umane e attrezzature.

Eppure questo settore abbandonato della sanità pubblica oggi combatte come un esercito invincibile, continuamente senza armi, senza protezione individuale ma con abnegazione. Ad oggi, 61 medici in Italia si sono ammalati e sono morti, perdendo la vita in prima linea in una lotta impari. Lo stesso fenomeno si sta ripetendo in Spagna, Francia, Grecia, Stati Uniti …

Dall’altro lato, ci sono gli speculatori dei gruppi monopolistici privati, che rubano il denaro pubblico, vendono i loro test e i loro letti a prezzi esorbitanti, sfruttano il dolore della gente comune e complottano con i governi per macchiare di sangue i loro profitti.

TERZO: Questa crisi ha mostrato ancora una volta che la solidarietà e il sostegno genuino e sincero [può] essere sviluppato solo tra i lavoratori e i popoli stessi. L’esempio dell’eroica Cuba, che ha mandato 60 medici nel cuore della battaglia nel nord Italia, è un’occasione per tutti i popoli di riflettere seriamente e di giudicare con severità. Il giorno in cui i medici cubani sono arrivati in Italia, la Germania ha rifiutato di inviare dispositivi medici in Italia, l’Italia ha vietato l’esportazione di materie prime in Grecia, la Spagna ha fatto lo stesso, lo Stato Federato della California negli Stati Uniti ha rifiutato di vendere maschere mediche a New York, altri Stati Federali negli Stati Uniti hanno nascosto ventilatori medici, ecc.

Al vertice dei leader dell’Unione Europea del 26.03.2020, un gruppo di paesi (Germania, Paesi Bassi) ha respinto le misure richieste da paesi con un gran numero di morti come Spagna, Italia e Francia.

Il capitalismo è una giungla con false alleanze e aspre lotte.

La tua morte, la mia vita.

Dall’altra parte c’è l’umanità e la solidarietà che solo i lavoratori e la società socialista possono sviluppare.

QUARTO: La pandemia secondo i dati finora raccolti svela le politiche degli Stati Uniti, un Paese al vertice della piramide imperialista. Gli ammiratori statunitensi in tutto il mondo vedono ora la loro ammirazione trasformarsi in delusione.

Gli Stati Uniti possiedono innumerevoli armi, missili, aerei da combattimento, sottomarini e mercenari.

Hanno le maschere di respirazione?

Hanno delle maschere chirurgiche?

Ospedali pubblici?

La previdenza sociale?

Letti disponibili per i poveri?

In tutti questi ambiti, ci sono enormi lacune. Attualmente cercano forniture mediche provenienti dalla Repubblica Popolare Cinese e dalla Russia.

Gli Stati Uniti sono il paese con il peggior sistema sanitario per i poveri, i disoccupati e i precari. Il peggiore del mondo!

Niente è gratis negli ospedali. Tutto si paga, e molto caro, tutti senza eccezioni.

 28 milioni [di persone] non sono assicurate

 33 milioni [di persone] sono sottoassicurate

 8 milioni di persone, pur pagando le tasse, sono private dei documenti di certificazione.

 I disoccupati, gli anziani e le persone a basso reddito ricevono un’assistenza sanitaria minima, quando la richiesta di assistenza viene approvata.

E mentre le classi lavoratrici degli Stati Uniti soffrono per la pandemia e le politiche del loro governo, il presidente Trump ha annunciato un pacchetto finanziario di 500 miliardi di dollari per rafforzare i gruppi monopolistici. 29 miliardi per le compagnie aeree, 17 miliardi per le società di sicurezza e così via. Allo stesso tempo, il cartello statunitense delle armi ha intentato un’azione legale per non interrompere l’attività delle società di vendita di armi. In un Paese dove, secondo i dati ufficiali, nel 2019 sono morte 40.100 persone a causa dell’uso delle armi, di cui 24.100 si sono suicidate.

In questo senso, i capitalisti di Stati Uniti, Brasile, Regno Unito e paesi del Nord Europa stanno intensificando la pressione per mantenere attive tutte le aziende. A loro avviso, non sono necessarie misure di protezione. L’economia è tutto, la vita e la salute dei lavoratori non sono nulla. Questa strategia è sostenuta da dichiarazioni come quelle di Trump, Bolsonaro, Boris Johnson, che ha detto che in pochi giorni avrebbero sradicato la pandemia.

QUINTO: La competizione intra-imperialista per la produzione del vaccino e dei farmaci efficaci contro il Coronavirus mostra il vero volto delle multinazionali. Per quanto riguarda la codecisione in materia di misure anti operaie, sono unite contro il loro comune nemico, gli operai e le lotte degli operai. Ma quando si tratta di speculazione, si uccidono a vicenda. Uno cerca di rubare i segreti dell’altro. Sanno che chiunque abbia il primo vaccino avrà un enorme aumento dei profitti. Si tratta di una dura lotta per il profitto e non per la tutela della salute pubblica.

Così, sulla base di quanto sopra, risulta che non siamo tutti uguali di fronte alla pandemia, e che lo slogan “Tutti uniti per uscire dalla crisi” non ha un contenuto a favore dei lavoratori. I ricchi hanno la possibilità, anche se sono infetti, di ricevere un trattamento diverso rispetto ai disoccupati. E per di più sono queste persone comuni a pagarne il prezzo in termini di lavoro, salari e finanze durante questa crisi.

Ed è certo che la borghesia e i suoi meccanismi sfrutteranno la pandemia per limitare radicalmente i diritti e le libertà democratiche dei lavoratori e dei popoli.

È quindi essenziale che in queste condizioni i lavoratori comprendano che il capitalismo genera e riproduce solo malattie, sofferenza e sfruttamento. Il capitalismo è anacronismo, è barbarie. Non può essere umanizzato. I riformisti che sostengono la modernizzazione del sistema di sfruttamento diventano servitori dello sfruttamento sociale. Non c’è e non ci sarà un vaccino che umanizzi il capitalismo. L’origine del capitalismo è l’ingiustizia sociale.

La pandemia lo ha spogliato e gli ha tolto i vestiti e le maschere.

Il compito di tutti i militanti oggi è quindi più imperativo, più urgente. È il compito di unire tutti i lavoratori e tutti i popoli per una società senza capitalisti e senza sfruttamento capitalistico. Tutti i lavoratori insieme, noi riusciremo a raggiungere questo obiettivo. La nostra lotta per risolvere i problemi quotidiani è giusta. La lotta per la liberazione sociale della classe operaia è necessaria.

George Mavrikos, Segretario generale della WFTU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap