Partito Comunista Italiano

Sito ufficiale del PCI

BRIEFING SUI CONTENUTI PRINCIPALI DEL XIII CONGRESSO NAZIONALE DEL PARTITO COMUNISTA DEL VIET NAM (CPV)

Il 13° Congresso Nazionale del Partito Comunista del Viet Nam è stato convocato dal 25 gennaio al 1 febbraio 2021 ad Hanoi con la partecipazione di 1.587 delegati, in rappresentanza di oltre 5,1 milioni di membri del Partito.

Questo è il Congresso con la presenza del maggior numero di delegati di sempre. L’evento è di particolare statura e significato. Questo è il primo congresso del terzo decennio del ventunesimo secolo sullo sfondo di complessità globali e rapidi sviluppi che mescolano vantaggi, opportunità, difficoltà e sfide.
Il Congresso non solo ha passato in rassegna la legislatura del XII Congresso, ma ha anche fatto il punto sui 35 anni del Processo di Rinnovamento (Doi Moi), 30 anni di attuazione della Piattaforma Nazionale delle Costruzioni.

Sulla base di tali risultati, il Congresso ha fissato un importante compito di delineare lo sviluppo nazionale al 2025, 2030 e la visione al 2045 che copre due importanti pietre miliari: il centenario della fondazione del Partito Comunista del Viet Nam e il centenario della nascita della nazione. Data tale importanza, il Congresso è stato preparato meticolosamente, attentamente e scientificamente.

I documenti per il Congresso sono stati preparati in anticipo attraverso molte fasi di raccolta di feedback e opinioni da tutti i quadri, membri del Partito e persone sia in patria che all’estero. Questi documenti sono la cristallizzazione
della saggezza, della volontà e delle aspirazioni dell’intero Partito e del popolo. I documenti hanno colto profondamente il principio della brillante combinazione di teoria e pratica, fermezza e innovazione, così come eredità e sviluppo.

Nello spirito di “Solidarietà – Democrazia – Disciplina – Creatività – Sviluppo” e con senso di grande responsabilità verso il Partito, il popolo e il paese, il Congresso è stato un successo globale, definendo importanti politiche e orientamenti per guidare e dirigere il paese affinché si sviluppi rapidamente e in modo sostenibile nella nuova fase. Il lavoro del personale è stato condotto in modo trasparente, democratico, completo e scientifico. I membri del 13° Comitato Centrale sono i quadri di spiccate qualità etiche, competenza, credibilità che persistono nell’ obiettivo dell’indipendenza nazionale e del socialismo e la politica di rinnovamento del Partito.

Sono anche audaci, decisi e non esitanti ad assumersi le proprie responsabilità; hanno una mentalità innovativa e un pensiero creativo con la capacità di raccogliere, unificare e mobilitare la sinergia delle loro organizzazioni e agenzie.

Su tale base, il 13° Congresso ha eletto i membri del Comitato Centrale (il 13° mandato) – il più alto organo di governo del Partito per il periodo compreso tra i due congressi, composto da 180 membri ufficiali e 20 membri supplenti. Il primo Plenum del Comitato Centrale CPV ha eletto 18 membri del Politbureau e il Segretariato del Comitato Centrale del Partito che consiste di un numero di membri del Politburo e altri 05 membri sono stati eletti dalla raccomandazione del Comitato Centrale. Il compagno Nguyen Phu Trong è stato rieletto Segretario Generale del 13° Comitato Centrale del PCV. Pertanto, il nostro 13° Congresso è un mix transgenerazionale di leader esperti e giovani.

Tutti i documenti del nostro 13° Congresso saranno tradotti in 7 lingue e inviati a te come riferimento.

I contenuti principali sono i seguenti:

  1. La socio-economia del Viet Nam Valutazione del Congresso: negli ultimi cinque anni, cogliendo le opportunità e superando le sfide, in particolare i continui episodi di pandemie e disastri naturali, il Paese ha registrato molti risultati importanti e completi e ha realizzato notevoli momenti salienti. Dopo 35 anni di Doi Moi, 30 anni di implementazione della Piattaforma Nazionale di Costruzione, il paese ha fatto passi da gigante e storici ed è cresciuto in modo più vibrante e completo rispetto al periodo pre-Doi Moi. Il Congresso è stato molto unanime con la valutazione: il Viet Nam non ha mai goduto di tale fortuna, potenziale, status e prestigio come oggi.
  2. Il potenziale, le dimensioni e la competitività dell’economia si sono rafforzati. La crescita economica annuale è stata in media del 7-8%. La dimensione dell’economia è aumentata di 12 volte, raggiungendo i 343 miliardi di dollari, posizionandosi tra le prime 40 maggiori economie del mondo. Il PIL pro capite è aumentato di 8,3 volte, raggiungendo i 3.521 dollari. Nel 2020, il Vietnam ha implementato con successo il “doppio compito” di controllare e prevenire l’epidemia di COVID-19, sostenendo al contempo la ripresa e lo sviluppo economici con una crescita del PIL pari al 2,91%. Il Vietnam è diventato una destinazione attraente per gli investitori; l’IDE ha raggiunto oltre 38 miliardi di dollari nel solo 2019 e 28,5 miliardi di dollari nel 2020 nonostante il contesto dell’epidemia di COVID-19. CO Il Vietnam si è impegnato attivamente nelle istituzioni economiche regionali e multilaterali e ha firmato accordi di libero scambio con le principali economie, ha ampliato e diversificato i mercati e ha partecipato più profondamente alle catene di approvvigionamento regionali e globali. Il debito pubblico è rimasto basso al 55% del PIL.

Stabilità politica e sociale, migliorando notevolmente la vita delle persone. Il tasso di povertà è diminuito dal 58% nel 1993 al 2,75% nel 2020, rendendo il Vietnam uno dei primi paesi a completare in anticipo l’obiettivo del Millennio delle Nazioni Unite sulla riduzione della povertà. La maggior parte dei comuni rurali ha strade di collegamento con i centri abitati, nuclei familiari allacciati alla rete elettrica nazionale e sono universalizzati con scuole primarie e secondarie. Il sistema sanitario è ampiamente allocato a villaggi e frazioni; il tasso di copertura assicurativa sanitaria supera il 90%. Secondo l’UNDP, il Vietnam è tra i paesi con il più alto tasso di crescita dell’Indice di Sviluppo delle Risorse Umane (HDI) al mondo. La classifica del Vietnam per lo sviluppo sostenibile è aumentata da 88 nel 2016 a 49 nel 2020 e l’aspettativa di vita media è aumentata da 62 anni nel 1990 a 74,5 anni nel 2020. Le attività culturali sono ricche e diversificate.

Le Nazioni Unite hanno riconosciuto il Vietnam come uno dei paesi leader nella realizzazione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Tuttavia, il paese sta ancora affrontando molte difficoltà e carenze. La crescita economica non è sostenibile e proporzionale con il suo potenziale; la qualità, l’efficienza della produttività e la competitività sono basse. Lo sviluppo è insostenibile in termini di economia, cultura, società e ambiente; la vita di alcune minoranze etniche e delle persone che vivono nelle regioni montuose, insulari e dell’entroterra incontra ancora difficoltà. Permangono divari di sviluppo tra le località e tra le regioni. I problemi del cambiamento climatico, dei disastri naturali e delle epidemie sono diventati più acuti, influenzando lo sviluppo del Paese e la vita delle persone. Questi successi cumulativi sono originati da uno sforzo continuo e incessante, durante i successivi Congressi del Partito, con il contributo dell’intero Partito e del popolo, dalla corretta direzione delle riforme e dall’applicazione ferma e creativa del marxismo-leninismo e del pensiero di Ho Chi Minh, nonché dal talento, dalla creatività e dall’applicazione tempestiva di politiche e decisioni appropriate in ogni periodo di sviluppo.

In particolare, lo sviluppo socio-economico è strettamente considerato come il compito centrale con le persone concentrate nella strategia di sviluppo socio-economico e l’ottica di armonizzare la crescita economica con lo sviluppo culturale, l’edificazione umana, il progresso e l’equità sociale, e la protezione delle risorse naturali e dell’ambiente. Questi risultati sopra menzionati testimoniano la retta via verso il socialismo, compatibile con le leggi oggettive e la realtà del Viet Nam. Le difficoltà e le carenze hanno cause sia soggettive che oggettive, di cui le cause soggettive sono quelle dirette.

La realtà mostra che a volte alcune agenzie pubbliche mancavano di intuizione e coerenza mentre esponevano carenze nell’attuazione e nell’istituzionalizzazione delle risoluzioni, nonché nella loro leadership e amministrazione. La responsabilità non è stata adeguatamente sostenuta mentre la consapevolezza e l’innovazione del sistema organizzativo non sono state sincronizzate.

Orientamento: promuovere in modo completo e sincrono la causa del Doi Moi, aumentare costantemente le potenzialità nazionali a tutto tondo, sviluppare il paese in modo rapido e sostenibile.
Obiettivi: Obiettivi generali fino alla metà del 21° secolo: migliorare la leadership, la capacità di governo e di combattimento del Partito; costruire un partito e un sistema politico veramente pulito e forte su tutta la linea; rafforzare la fiducia del popolo nel Partito, nello Stato e nel regime socialista. Migliorare la leadership, la capacità di governo e la forza di combattimento del Partito; costruire un sistema politico e un partito puliti, forti e completi; risvegliare l’aspirazione alla costruzione nazionale verso la prosperità e la felicità; attingere alla volontà e al potere collettivi della grande solidarietà nazionale accanto al potere dei tempi; promuovere in modo completo e sincrono la causa del Doi Moi, dell’industrializzazione e della modernizzazione; costruire e difendere fermamente la Patria e assicurare un ambiente di pace e stabilità. Faremo ogni sforzo affinché entro la metà del 21° secolo il Vietnam diventi un paese sviluppato orientato al socialismo.

La visione di sviluppo per ogni periodo specifico imminente: – Entro il 2025, nel 50° anniversario della liberazione del Sud e della riunificazione del Paese: il Viet Nam sarà un Paese in via di sviluppo con industrie a guida moderna, al di sopra del livello di reddito medio-basso. – Entro il 2030, nel centenario della fondazione del Partito: il Vietnam sarà un paese in via di sviluppo con industrie moderne e reddito medio elevato. – Entro il 2045, nel centenario dell’indipendenza del Paese: il Vietnam diventerà un Paese sviluppato ad alto reddito (il PIL pro capite supera i 12.535 dollari). Con i tassi di crescita registrati negli ultimi anni, questo obiettivo è fattibile. – Il Congresso ha fissato i principali obiettivi nel periodo fino al 2025 e nel prossimo periodo, in cui: il tasso medio annuo di crescita economica a 5 anni raggiunge il 6,5-7%; Entro il 2025, il PIL pro capite raggiunge i 4.700-5.000 USD ed entro il 2030 raggiunge i 7.500 USD; il tasso di disoccupazione nelle aree urbane è inferiore al 4% entro il 2025; il tasso di povertà si riduce dell’1-1,5% annuo; l’assicurazione sanitaria copre il 95% della popolazione. Principali compiti e soluzioni: – Per continuare a svilupparsi rapidamente e in modo sostenibile, i compiti cardine sono: “considerare centrale lo sviluppo socio-economico, fondamentale la costruzione del Partito, fondamentale e regolare lo sviluppo culturale, garantire la difesa e la sicurezza nazionale”.

Promuovere la forza del popolo vietnamita.

Ispira fortemente lo spirito di patriottismo, la volontà di resilienza nazionale, il potere di una grande unità nazionale e l’aspirazione a sviluppare un paese prospero e benessere, per creare uno slancio vigoroso e un’enorme sinergia al fine di sviluppare il paese in modo rapido e sostenibile . – Migliorare in modo completo e armonioso le istituzioni per lo sviluppo dell’economia di mercato orientata al socialismo, creando un ambiente favorevole per mobilitare, distribuire e utilizzare efficacemente le risorse per lo sviluppo e superare le strozzature che ostacolano lo sviluppo. Rinnovare attivamente il modello di crescita, ristrutturare l’economia, intensificare l’industrializzazione e la modernizzazione del Paese. – Migliorare la qualità delle risorse umane, creare un meccanismo innovativo per attrarre e impiegare talenti; promuovere l’innovazione e la creatività, applicare con forza la scienza e la tecnologia, attuare la trasformazione digitale nazionale, sviluppare l’economia digitale, fare un passo avanti nel miglioramento della produttività, della qualità, dell’efficienza e della competitività dell’economia. – Realizzare una giustizia progressiva e sociale, migliorare la vita delle persone; Rimanere vigile sul controllo della pandemia di Covid-19, vaccinazione di massa di Covid-19 per le persone. – Gestire rigorosamente, utilizzare in modo appropriato ed efficiente il territorio e le risorse naturali; proteggere e migliorare l’ambiente; implementare in modo proattivo e attivo soluzioni adattive ai cambiamenti climatici. – Concentrarsi sugli investimenti nelle risorse per attuare tre scoperte strategiche: (i) perfezionare le istituzioni economiche di mercato orientate al socialismo in modo sincrono; (ii) sviluppo delle risorse umane, in particolare risorse umane di alta qualità, con un meccanismo adatto per il reclutamento e lo sviluppo di talenti; (iii) Costruire un sistema infrastrutturale armoniosamente moderno, dal punto di vista economico e sociale, dell’ambiente, della difesa e della sicurezza nazionale.

La costruzione del Partito e il sistema politico

Essere profondamente consapevoli della leadership del Partito è il fattore decisivo per il successo del Rinnovamento (Doi Moi) e garantire uno sviluppo del Paese in linea con l’orientamento socialista, negli ultimi anni, la costruzione del Partito è stata oggetto di particolare attenzione e identificata come ” compito chiave”, ha ottenuto risultati significativi: – La costruzione del partito politico riceve un’attenzione speciale, persistendo nel fondamento ideologico del Partito, nella linea guida del Doi Moi e nei principi di costruzione del Partito. La forza di volontà politica, la capacità e la combattività del Partito sono state gradualmente migliorate. – La costruzione ideologica del partito continua ad essere rafforzata; la tutela del fondamento ideologico del Partito, la lotta contro i punti di vista antagonistici e errati ha creato cambiamenti positivi. Si è consolidato e sviluppato il sistema teorico del Rinnovamento, del socialismo e della via al socialismo. – La costruzione etica del partito è stata attuata con decisione, sono state emanate diverse risoluzioni/regolamenti, in particolare sugli standard etici dei quadri e sulla responsabilità esemplare, contribuendo alla formazione dell’etica rivoluzionaria e alla lotta contro l’individualismo, l’opportunismo, gli interessi di gruppo, il degrado della politica, dell’etica e dello stile di vita. – La costruzione organizzativa del partito è stata condotta con alta determinazione politica, puntando sull’innovazione e sul riassetto organizzativo dell’apparato del sistema politico, apportando cambiamenti positivi, migliorando l’efficacia e l’efficienza nelle prestazioni del sistema politico. – Il lavoro del personale è stato guidato in modo completo, concentrandosi sulla costruzione di un pool di quadri a tutti i livelli, specialmente a livello strategico con qualità, capacità, credibilità sufficienti per i compiti.

La lotta alla corruzione e alla sua prevenzione è stata portata avanti in modo drastico, senza aree riservate, senza eccezioni’, ottenendo risultati importanti e una svolta, fortemente voluta da funzionari, membri del partito e popolo. La corruzione è stata gradualmente frenata, prevenuta e tende a diminuire. I risultati globali della costruzione del Partito hanno contribuito in modo significativo a rafforzare la forza, la solidarietà e l’unità del Partito e a rafforzare la fiducia delle persone nel Partito. Le ragioni dei suddetti risultati completi ed eccezionali sono dovute a: (i) piena e profonda consapevolezza dell’importanza della costruzione e riorganizzazione del partito nella nuova era; (ii) una guida regolare l’implementazione funziona con grande determinazione, grande sforzo e azione drastica; (iii) Mettere in gioco il ruolo e la responsabilità del Fronte Patriottico, delle organizzazioni socio-politiche e del popolo nella partecipazione alla costruzione del Partito e al sistema politico.

Orientamenti: continuare a persistere, applicare e sviluppare creativamente il marxismo-leninismo e il pensiero di Ho Chi Minh; persistere nell’indipendenza nazionale di orientamento socialista; rafforzare il lavoro di costruzione del Partito e di rettifica del Partito in termini di politica, ideologia, etica, organizzazione e quadri; migliorare la leadership del Partito, la capacità di governo, la combattività e l’efficacia e l’efficienza della gestione dello Stato Compiti e soluzioni: Il Congresso ha proposto 10 gruppi di compiti e soluzioni, in cui si concentrano su 03 compiti chiave e 03 soluzioni innovative: Tre compiti chiave: (i) La lotta per prevenire e respingere il deterioramento dell’ideologia politica, dell’etica, dello stile di vita, delle manifestazioni interne di “autoevoluzione” e “autotrasformazione”, con la promozione dell’apprendimento, seguendo l’ideologia di Ho Chi Minh, l’etica Durante il XII mandato, i comitati di partito a tutti i livelli hanno condotto 264.091 esami di organizzazioni di partito e 1.124.146 di membri del partito, e hanno emesso 1.329 sanzioni disciplinari per le organizzazioni di partito e 69.600 per i membri del partito. In particolare, il Comitato Centrale, il Politburo e il Segretariato hanno disciplinato 10 organizzazioni di partito e 60 membri di partito; Il Comitato centrale di ispezione ha sanzionato 169 stili e norme attuative sulla responsabilità di illustrare un esempio; (ii) vigoroso rinnovamento, miglioramento della qualità e dell’efficienza del lavoro del personale; concentrandosi sulla costruzione di un contingente di quadri a tutti i livelli, soprattutto a livello strategico; (iii) Continuazione dell’innovazione, consolidamento e miglioramento graduale dell’apparato organizzativo del sistema politico ordinato, miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza delle operazioni in associazione con il miglioramento della qualità e la ristrutturazione del contingente di quadri, funzionari e funzionari pubblici.

Tre soluzioni rivoluzionarie: (i) continuare a migliorare l’istituzione per la costruzione del Partito, la costruzione del sistema politico; (ii) Promuovere la democrazia, rafforzando le discipline e le regole parallelamente alla creazione di un ambiente innovativo nel lavoro dei quadri e alla costruzione di un contingente di quadri; (iii) Combattere e prevenire risolutamente la corruzione, lo spreco, la negatività e la burocrazia burocratica, promuovendo il decentramento e l’empowerment parallelamente al rafforzamento dell’ispezione, della supervisione e del controllo rigoroso del potere.

Orientamenti e politiche in materia di affari esteri

Le attività esterne del Partito e dello Stato negli ultimi anni hanno registrato importanti risultati, contribuendo alle straordinarie conquiste della nazione: Le relazioni esterne sono state ampliate in modo intensivo ed esteso. Sono stati istituiti partenariati strategici e partenariati globali con 30 paesi, compresi tutti i paesi membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, i paesi dei principali gruppi politico-economici e i paesi vicini. L’ambiente pacifico, l’indipendenza, la sovranità, l’unità e l’integrità territoriale sono stati fermamente mantenuti. Risultati specifici sono stati realizzati in materia di frontiere terrestri; è stata sostanzialmente completata la delimitazione del confine terrestre con i paesi limitrofi (circa oltre 5.000 km). Fonti esterne sono state efficacemente mobilitate per lo sviluppo socio-economico; attrarre investimenti esteri, promuovere il commercio e il turismo, sfruttare la scienza, la tecnologia e l’istruzione. Ha partecipato attivamente alle istituzioni economiche multilaterali e regionali; hanno firmato i nuovi accordi di libero scambio, tra cui l’accordo globale e progressivo per il partenariato transpacifico (CPTPP), l’accordo di libero scambio Vietnam-UE (EVFTA), il partenariato economico globale regionale (RCEP). Contributi responsabili alla comunità internazionale; ha partecipato per la prima volta alla forza di pace delle Nazioni Unite; ha ricoperto il ruolo di membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per il mandato 2008-2009 e attualmente è membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per il periodo 2020-2021. Di recente, il Vietnam ha proposto la bozza di risoluzione per rendere il 27 dicembre Giornata internazionale per la prevenzione delle malattie e Control, adottato dalle Nazioni Unite.
Obiettivi: preservare l’ambiente di pace e stabilità; salvaguardare fermamente l’indipendenza, la sovranità, l’unità e l’integrità territoriale; massimizzare le condizioni internazionali e le risorse esterne per il processo di rinnovamento e sviluppo socio-economico; contribuire alla comunità internazionale; accrescere lo status e il prestigio del Partito e del Paese.
Direttive: Continuare ad attuare coerentemente la politica estera di indipendenza, autonomia, pace, cooperazione e sviluppo; diversificare e multilateralizzare le relazioni esterne; essere un amico, un partner affidabile e un membro attivo e responsabile della comunità internazionale. Garantire i primari interessi nazionali sulla base dei principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale, uguaglianza, mutuo vantaggio; essere proattivi e attivi nell’integrazione internazionale in modo completo ed esteso.
Orientamento e compiti: (i) Rafforzare le relazioni bilaterali: attribuire importanza allo sviluppo di relazioni tradizionali, di cooperazione e di amicizia con i paesi vicini; lavorare in modo proattivo e responsabile con gli altri paesi membri dell’ASEAN per consolidare l’unità e la forza della Comunità ASEAN, sostenere la centralità dell’ASEAN nell’architettura di sicurezza regionale. Promuovere e approfondire la cooperazione bilaterale con i partner, in particolare i partner strategici, i partner globali e altri partner importanti. (ii) Migliorare le attività estere multilaterali: continuare a partecipare attivamente e promuovere il ruolo del Vietnam nei meccanismi multilaterali, in particolare l’ASEAN, le Nazioni Unite, l’APEC, la cooperazione subregionale del Mekong e altri quadri di cooperazione regionale e internazionale. Partecipare in modo proattivo, contribuire attivamente a rafforzare il ruolo del Vietnam nella costruzione e nella formazione delle istituzioni multilaterali e dell’ordine politico-economico internazionale; rispettare pienamente tutti gli impegni internazionali e gli accordi commerciali. (iii) rafforzare la difesa e la diplomazia della sicurezza; partecipare in modo proattivo e attivo ai meccanismi multilaterali di difesa e sicurezza.
L’obiettivo è contribuire a mantenere e consolidare un ambiente pacifico e stabile, rafforzare la fiducia politica, promuovere le relazioni bilaterali, sviluppare la capacità di rispondere alla sicurezza e alle sfide strategiche nella nuova situazione; allo stesso tempo per contribuire agli sforzi congiunti della comunità internazionale per garantire la sicurezza e la pace nelle regioni. Non impegnarsi in un raggruppamento di forza per schierarsi contro l’altro. (iv) Promuovere la sicurezza marittima e aerea nel Mar Cinese Meridionale; risolvere le controversie con mezzi pacifici, sulla base del diritto internazionale, in particolare della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982; proteggere in modo deciso e persistente gli interessi legittimi. (v) Promuovere la diplomazia economica al servizio dello sviluppo, con le persone e le imprese al centro del servizio; ampliare e migliorare l’efficacia della diplomazia culturale, contribuire alla promozione dell’immagine nazionale e alla sinergia.

Nell’attuazione dei suddetti compiti, applicheremo una “diplomazia globale e moderna” basata sulla promozione della forza combinata di tre pilastri diplomatici, comprese le relazioni esterne del Partito, le attività diplomatiche dello Stato e la diplomazia interpersonale; allo stesso tempo per evidenziare il ruolo di avanguardia degli affari esteri nella creazione e nel mantenimento di un ambiente pacifico e stabile, mobilitare risorse esterne per lo sviluppo nazionale ed elevare lo status e la reputazione del paese. Questa è una prospettiva innovativa del XIII Congresso sulla posizione e il ruolo strategico della diplomazia. –

Le relazioni esterne del Partito: Attualmente, il Partito Comunista del Viet Nam ha stabilito relazioni con 247 partiti di 111 paesi del mondo. Durante la passata legislatura, le relazioni esterne del Partito hanno continuato ad espandersi e ad approfondirsi. Come partito comunista al potere, oltre a sviluppare relazioni con comunisti, lavoratori e partiti di sinistra, il Partito si concentra sull’espansione e sullo sviluppo delle relazioni con i partiti di governo, i partiti politici e maggiori, i forum multilaterali dei partiti politici, le organizzazioni, i circoli politici, le agenzie esecutive , legislature in molti paesi.

Le relazioni esterne del Partito hanno raggiunto molti risultati importanti e globali, contribuendo a creare un’importante base politica per la stabilità, l’espansione e il rafforzamento delle relazioni bilaterali del Vietnam con altri paesi. In occasione del 13° Congresso Nazionale del Partito Comunista del Viet Nam, leader di partiti politici, paesi, organizzazioni internazionali, individui e amici internazionali hanno inviato lettere e messaggi di congratulazioni al Congresso e ai leader del CPV. Siamo estremamente entusiasti di ricevere più di 400 lettere di congratulazioni, che dimostrano la solidarietà, l’amicizia, la cooperazione e l’affetto riservati al Partito, al paese e al popolo del Vietnam. Questo è un enorme incoraggiamento per l’intero Partito e il popolo del nostro Paese per lo sviluppo nel nuovo periodo.

In questa occasione, vorremmo esprimere ancora una volta i nostri sinceri ringraziamenti per l’incoraggiamento riservato al nostro XIII Congresso del Partito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap