Partito Comunista Italiano

Sito ufficiale del PCI

Cosa può fare un comunista durante la pandemia?

Tradotto da Lorenzo Battisti (Dipartimento Esteri PCI)

Traduciamo questo articolo come esempio di come gli altri partiti fratelli, anche quelli geograficamente più lontani da noi, stanno affrontando una crisi sanitaria che ci obbliga a restare in casa e interrompe una parte delle attività dei partiti. L’invito a usare il tempo per rinsaldare i rapporti dentro il partito, per coltivare la propria preparazione ideologica magari insieme agli altri e a vigilare perché la democrazia sia preservata sono utili consigli anche per i compagni europei e italiani.

Tratto da The Workers’ Weekly Guardian, Giornale del Partito Comunista Australiano

di Frank Stregone (direttore della rivista)

Il COVID-19 non solo ha cambiato il nostro modo di vivere, ma se si è comunisti come me, ha cambiato il nostro modo di organizzarci. Prima dell’epidemia di Coronavirus, ci organizzavamo nelle nostre sezioni, partecipavamo ai raduni, stavamo in piedi con i compagni al picchetto, tra le altre attività – era una vita piena di attività sociali.

Tuttavia, Il COVID-19, in pochi mesi, ha cambiato completamente questo modo di vivere, e ora siamo costretti a ripensare a come possiamo svolgere il nostro dovere rivoluzionario.

Come caporedattore del The Workers’ Weekly Guardian, il mio pensiero va immediatamente al nostro giornale del partito, poiché questa è l’ultima settimana della nostra edizione stampata fino a quando il COVID-19 non sarà stato contenuto. I compagni che si chiedono cosa possono fare con il loro tempo sono più che benvenuti a contribuire scrivendo lettere o articoli. Trovo che il processo di scrittura sia un ottimo modo per articolare i miei pensieri, e incoraggio tutti i compagni a mettere le loro idee sulla carta.

Come compagno di base, il mio pensiero va a come la mia sezione può operare durante questa crisi. Molte sezioni hanno già suggerito l’idea che per continuare il loro lavoro è meglio andare online (con applicazioni come Skype, Zoom, Discordia, ecc.). Penso che questo possa estendersi a molte altre attività a cui i compagni possono partecipare (come le campagne digitali) e sarà interessante vedere come il nostro partito si mobiliterà.

Come comunista, penso a cosa posso fare in questo periodo. Non potendo organizzarmi per le strade, cerco opportunità di comunicare con i compagni di sinistra per coordinare la risposta alle azioni del governo e assicurarmi che ne sia responsabile. La colgo anche come un’opportunità per affinare la mia comprensione ideologica leggendo Lenin (insieme a Stalin e ad altri economisti politici sovietici). Penso che usare questo tempo per leggere i grandi pensatori della nostra tradizione politica ci offra l’opportunità di tornare ancora più lucidi quando saremo di nuovo per le strade, a lottare per la classe operaia.

Qualunque cosa facciamo, dobbiamo essere il più diligenti possibile con il nostro tempo. Soprattutto quando si lavora da casa, si può diventare rapidamente letargici, perché i giorni si confondono tra loro. Tuttavia, se rimaniamo in contatto con i nostri compagni, possiamo trovare conforto nella solidarietà, e uscire dal COVID-19 con un partito più forte, più unito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap