Partito Comunista Italiano

Sito ufficiale del PCI

Inaccettabile che continui la produzione di armi mentre infuria l’epidemia.

di Luca Cangemi, Segreteria Nazionale PCI

Il decreto del governo sulla chiusura delle attività produttive di fronte all’aggravarsi dell’epidemia è pesantemente segnato dalla posizione criminale della Confindustria. Giustamente, in queste ore lavoratori e lavoratrici stanno promuovendo mobilitazioni e scioperi.

In questo quadro particolarmente offensiva e grave è il fatto che si dichiari che debba andare avanti la produzione della difesa e dell’aerospazio. Cioè si continuano a fabbricare armi.

Migliaia di lavoratori e lavoratrici (e le loro famiglie) vengono quindi esposti a spaventosi rischi per non intaccare i profitti dei venditori di strumenti di morte. Appare incredibile come non si colga il terribile dato simbolico e morale (oltre a quello, pesantissimo, sanitario e sociale) di una decisione di questo genere, in questo momento così grave per il nostro paese e per l’umanità.

In ogni forma deve alzarsi una grande protesta, perché questa vergogna venga impedita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap