Home Esteri Americhe Lettera del Presidente Nicolás Maduro Moros ai popoli del mondo

Lettera del Presidente Nicolás Maduro Moros ai popoli del mondo

86
0

Traduzione di Francesco Maringiò, Dipartimento Esteri PCI

Ai popoli del mondo

Miei fratelli e sorelle:

Salutandovi con affetto, vorrei rivolgermi a voi in questa occasione per informarvi delle recenti azioni del Venezuela per affrontare e superare il blocco illegale che il governo degli Stati Uniti impone al mio Paese da quasi vent’anni , e in particolare negli ultimi cinque anni, provocando gravi effetti sull’economia venezuelana, con un impatto negativo sul benessere della popolazione.

In tal senso, vorrei informarVi dell ‘ approvazione di uno strumento legislativo speciale, denominato “Legge anti-blocco per lo sviluppo nazionale e garanzia dei diritti del popolo venezuelano”, incentrato sulla difesa del patrimonio, sovranità e dignità del nostro paese, nonché il diritto del nostro popolo alla pace, allo sviluppo e al benessere.

Si tratta di una necessaria risposta giuridica da parte dello Stato venezuelano, in perfetta sintonia con il diritto internazionale, che consentirà la creazione di meccanismi per migliorare il reddito della nazione e generare incentivi razionali e adeguati, sotto controlli flessibili, per stimolare l’attività economica interna e la celebrazione di alleanze produttive grazie agli investimenti  esteri, che favoriscono lo sviluppo nazionale.

D’altra parte, in ambito politico, ho l’onore di ribadire che di fronte all’aggressione esterna posta dalle misure coercitive unilaterali degli Stati Uniti contro il Venezuela, il nostro obiettivo è e sarà sempre quello di rafforzare e approfondire la nostra Democrazia.

Nonostante la pandernia Covid-19, procedono a buon ritmo i preparativi per le elezioni legislative del 6 dicembre, dove la popolazione si presenterà in massa per ottemperare al mandato costituzionale di eleggere un nuovo parlamento nazionale.

A queste elezioni, le cui condizioni sono state concordate con ampi settori dell’opposizione democratica nel mio paese, parteciperanno più del 90% delle organizzazioni politiche registrate presso il Consiglio nazionale elettorale, per un totale di 107 partiti politici – di cui 98 dell’opposizione – e più di 14.000 candidati, in lizza per 277 seggi parlamentari.

Il risultato di questa competizione elettorale darà indubbiamente maggiore forza alla nostra nazione e al nostro popolo, che hanno resistito con dignità e fermezza alle aggressioni straniere e, nonostante tutto, mantengono il loro spirito di amore e solidarietà.

Cari compagni, una volta che vi avrò aggiornato su questi due elementi della reale situazione in Venezuela, permettetemi di condividere con voi alcune informazioni di interesse per ampliare il vostro campo di conoscenza sul quadro generale che spiega la realtà attuale del mio paese.

Dal 2014, gli Stati Uniti hanno promulgato una legge e sette decreti o ordinanze esecutive, oltre a 300 misure amministrative, che insieme costituiscono una sofisticata politica di aggressione multiforme contro il Venezuela.

In cinque anni, il blocco è riuscito a colpire il finanziamento in Venezuela, impedendogli di avere la valuta estera necessaria per acquistare cibo, farmaci, pezzi di ricambio e materie prime essenziali per l’attività economica. Durante questo periodo, il Venezuela ha registrato il più grande calo del suo reddito esterno nella sua storia, vicino al 99%.

Gli Stati Uniti hanno emanato un divieto per la commercializzazione di idrocarburi venezuelani, il suo principale prodotto di esportazione e gettito fiscale. In questo contesto, dall’inizio della pandemia dovuta al nuovo corona virus, in più occasioni gli Stati Uniti si sono pubblicamente vantati di assaltare navi che portano in Venezuela i prodotti necessari alla produzione della benzina e rifornire il mercato interno dei combustibili, aggravando ulteriormente la situazione economica.

Citando questa regolamentazione illegale, gli Stati Uniti hanno confiscato denaro e beni dalla PDVSA, la compagnia petrolifera nazionale venezuelana, comprese diverse raffinerie che si trovano sul suolo americano, per un valore di oltre 40 miliardi di dollari.

Questi strumenti legali sono il meccanismo per attuare un crudele blocco contro il popolo vonezueliano, che Alfred de Zayas, un esperto indipendente delle Nazioni Unite sui diritti umani, inequivocabilmente lo ha definito un “crimine contro l’umanità”.

In questo senso, in un’indagine del Center for Studies of Economic Policy degli Stati Uniti sul blocco del Venezuela, l’economista americano Jeffrey Sachs, consigliere speciale delle Nazioni Unite sugli obiettivi dello sviluppo sostenibile, ha stabilito che il Il blocco contro il Venezuela è responsabile di almeno 40.000 morti nel mio paese, le cui sanzioni devono essere considerate come una “punizione collettiva contro il popolo venezuelano”.

In una sorprendente dichiarazione ufficiale, nel gennaio 2018, il Dipartimento di Stato americano ammette le sue intenzioni illegali:“La campagna di pressione contro il Venezuela sta funzionando. Le sanzioni finanziarie che abbiamo imposto hanno costretto il governo ad andare in default, sia sul debito sovrano sia su quello della PDVSA, la sua compagnia petrolifera. E quello che stiamo vedendo (…) è un collasso economico totale in Venezuela. Quindi la nostra politica sta funzionando, la nostra strategia sta funzionando e noi la seguiremo ”.

È la confessione di un crimine internazionale, di un atto di ferocia economica, di un crimine contro l’umanità, con l’unico scopo di danneggiare il mio paese e il popolo del Venezuela.

L’applicazione illegale di misure coercitive unilaterali, eufemisticamente chiamate “sanzioni”, è una politica ripetutamente rifiutata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, contraria al diritto internazionale e in violazione della Carta delle Nazioni Unite.

Per tutto quanto sopra, il 13 febbraio il Venezuela si è rivolto alla Corte penale internazionale per denunciare coloro che, dagli Stati Uniti, hanno commesso questi atroci crimini contro l’umanità. Sono convinto che, prima o poi, la giustizia internazionale esaminerà oggettivamente il Venezuela e vedrà il gigantesco danno che gli Stati Uniti hanno causato a un popolo pacifico, amorevole e laborioso.

Nel ringraziarvi per la vostra attenzione nel rivedere il contenuto di questa lettera, che spero sia stato utile per tenerti adeguatamente informato sulla reale situazione in Venezuela, colgo l’occasione per ringraziarvi la vostra solidarietà permanente con il Venezuela.
 Insieme vinceremo!

Cordiali saluti,

Nicolás Maduro Moros

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here