Partito Comunista Italiano

Sito ufficiale del PCI

Lettera del Segretario Nazionale Mauro Alboresi al Ministro della Giustizia

Di Mauro Alboresi – Segretario Nazionale PCI

Pubblichiamo la lettera del compagno Mauro Alboresi al Ministro della giustizia Marta Cartabia, relativa alla proposta di riforma a firma PCI in materia di Polizia Penitenziaria, volta a migliorare le condizioni di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori, e quelle dei detenuti, tramite un riordino e un potenziamento del personale.

“AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

 Professoressa Cartabia Marta Maria Carla

Esimia Signora Ministro, Come Segretario Nazionale del Partito Comunista Italiano, preso atto della preoccupante situazione in cui versa il sistema penitenziario del nostro Paese , tenuto conto dell’aumento vertiginoso degli eventi critici di ogni natura, che spaziano dai tentati suicidi, alla violazione di norme penali ed amministrative, all’interno delle carceri italiane ancor più nell’ultimo quinquennio, non posso esimermi come cittadino e come Responsabile di una forza politica nazionale dall’avanzare a Lei la proposta di riforma del Corpo di Polizia Penitenziaria e del sistema penitenziario italiano, elaborata dal Partito che mi pregio di rappresentare.

Visto il Codice Etico delle Polizie Europee 2001 (Raccomandazione n. 2001/10 Rec del Comitato dei ministri degli Stati membri sul Codice europeo di etica della Polizia 765a riunione del Comitato dei ministri, 19 settembre 2001), che recita: “… alcune disposizioni, come l’art. 6, che richiamano in modo espresso la realtà penitenziaria, prescrivono una netta distinzione tra il ruolo della Polizia e quello del sistema penitenziario, mentre l’art 11 vieta alla Polizia di sostituirsi al personale penitenziario, salvo il caso di urgenza.”

Viste le Regole Penitenziarie Europee (Raccomandazione (Rec) 2 dell’11 gennaio 2006), che stabiliscono che gli istituti penitenziari devono essere posti sotto la responsabilità di Autorità pubbliche ed essere separati dall’esercito, dalla polizia e dai servizi di indagine penale.”

Tenuto conto di tutte queste precise ed importanti raccomandazioni, già ratificate dall’Italia, e dei principi e delle norme costituzionali, risulta difficile capire perché nessun Governo della Repubblica, succedutosi negli anni, non abbia mai neanche tentato di impostare un minimo di riforma in grado di attuare le Raccomandazioni già ratificate.

Riteniamo, pertanto, assolutamente necessario, anche per l’indignazione da Lei mostrata, signora Ministro, per i fatti accaduti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, dare dignità agli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria e rendere finalmente più umano e confacente al dettato costituzionale il sistema penitenziario italiano, attuando una vera riforma che metta in pratica le raccomandazioni del Consiglio d’Europa sopra citate e a Lei ben note.

Ciò posto, evitando di richiamare varie normative, articoli di giornale e le diverse proposte nel tempo, in queste poche righe riteniamo esaustivo che si dia urgente attuazione alle raccomandazioni del Consiglio d’Europa e, conseguentemente si faccia uscire la Polizia penitenziaria dalle carceri, accorpandola alla Polizia di Stato, riconducendola ai compiti che le spettano, nell’esecuzione penale esterna e nell’attività di polizia giudiziaria. A nostro avviso ciò comporta, conseguentemente, l’assunzione di nuove figure previste per la custodia dei detenuti, rinforzando l’area socio-pedagogica.

Ci rivolgiamo, pertanto, alla Sua sensibilità per ristabilire la credibilità del nostro Paese e salvare vite umane che vi lavorano o entrano come utenti nel sistema penitenziario Italiano e restiamo in attesa di un Suo cortese cenno di riscontro, pronti ad un eventuale incontro, se ritenuto necessario ad approfondire la delicata, ma indilazionabile questione.

Il Segretario nazionale del PCI Mauro Alboresi”

4 commenti su “Lettera del Segretario Nazionale Mauro Alboresi al Ministro della Giustizia

  1. Era ora che qualcuno intervenisse affinché si pone fine a questo scandalo di un corpo di polizia “senza padrone”

  2. se volete una proposta su come dovrebbe essere riformata la polizia penitenziaria e il carcere sono a vostra disposizione…….intanto vi chiedo, ed io mi ritengo un uomo di destra, ma vi chiedo il rispetto di tutti ma dico tutti gli uomini e donne della polizia penitenziaria e soprattutto di non paragonare MAI il sistema carcerario italiano con quello norvegese….altrimenti si evince chiaramente che i problemi non si vogliono affrontare

  3. C.S. Polizia Penitenziaria: quando passerà sotto il controllo del Ministero dell’Interno?
    Siamo ancora qui a parlare di questo!
    Ribadisco a gran voce che tutte le Forze di Polizia devono dipendere dal Viminale, la casa della sicurezza del Paese!
    Esigo da cittadino il completamento del disegno di legge n. 121/1981, legge “di importanza storica”!
    Tuttavia, se ancora non si è arrivati a ciò è, come tutti sanno ma che solo in pochi dicono, per il retroscena stucchevole degli equilibri nazionali delle amministrazioni di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Penitenziaria.
    Allora mi domando nuovamente: tra parole e fatti, si passerà sotto il controllo del Ministero dell’Intero?
    leggi anche http://Permalink: https://www.corrierenazionale.net/carceri-totaro-f…re-tutela-agenti/
    La situazione attuale
    La Polizia di Stato è oggi sotto il controllo del ministero dell’Interno. Invece, almeno a livello formale, l’Arma dei Carabinieri dipende gerarchicamente dal Ministero della Difesa; mentre sul piano pratico e funzionale, in quanto Forza di Polizia, essa è dipendente dal Viminale.
    Per quanto concerne la Guardia di Finanza, le Fiamme Gialle fanno capo al ministero dell’Economia e delle Finanze sul piano formale, ma in qualità di Forza di Polizia specializzata nel settore finanziario, pare dipendano sempre di più dal Ministero dell’Interno. Inoltre, per quanto concerne questioni di disciplina militare, anche la Guardia di Finanza dipende dal Ministero della Difesa.
    La Penitenziaria ed è qui che cascano gli asini, è un po’ un caso a sé stante, che è dipendente dal Dicastero della Giustizia, ma in ogni caso prende parte alle riunioni del Casa (Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo) del Viminale.
    Bisognerebbe, a mio modesto avviso, mettere mani a tale sistema organizzativo, complesso e radicato, per implicare un’ottimizzazione, che non comporterebbe nessun rischio di scombussolare un assetto che già così com’è, gode di un’ottima forza.
    leggi anche https://www.corrierenazionale.net/pestaggi-in-carcere-capece-sappe-la-polizia-penitenziaria-e-unistituzione-sana-che-non-ricorre-alla-violenza/
    Nel proporre che tutte le Forze di Polizia dipendano dal Viminale, si vuole puntare a una completa realizzazione dell’antica legge 121 rimasta incompiuta. In questo modo si potrebbe “non dare alla politica la direzione della sicurezza”.
    Si tratterebbe invero di un passaggio tecnico, ma fondamentale.
    Il disegno di legge n. 121/1981 introduce il concetto di amministrazione della pubblica sicurezza; amministrazione che è attribuita in toto al Viminale. Il progetto della legge 121 – passa attraverso il riconoscere che le Forze di Polizia sono un “organo tecnico” con cui il Ministro dell’Interno “governa la sicurezza del Paese”. Il capo della Polizia di Stato, infatti, è anche capo del dipartimento di Pubblica sicurezza al Viminale.
    leggi anchehttp://Permalink: https://www.corrierenazionale.net/no-alla-violenza…aria-via-dal-dap/
    Quindi si passerà sotto il controllo del Ministero dell’Interno?
    Il dilemma è capirlo !
    Diventerà o meno concreta questa possibilità?
    Questo potrà essere compreso solo quando la provocazione entrerà nel mondo della politica e inizierà ad avere un consenso di tipo politico.
    In merito, prevedo che i movimenti contrari potrebbero essere fortissimi.
    Tuttavia, l’attacco è sferrato e la questione non può regredire: si vedrà se si tratta di un passato che è di nuovo in corso o se è solo un riappellarsi al passato.
    In ogni caso, la questione è delicata e oltre a dover abbracciare il mondo della politica per far sì che un dibattito prenda luogo deve raggiungere il Quirinale e mi auguro ci arrivi al più presto .
    Personalmente, non posso altro che vedere e indicare come intervento immediato uno scioglimento del corpo di Polizia Penitenziaria, con un contemporaneo passaggio di alcune sue competenze ad altre strutture dello Stato, quali quelle non perfettamente attinenti alle azioni legate al contenimento di persone che hanno violato la legge dello Stato.
    Pertanto, visto il costante ricorso ad azioni d’impeto per gestire le carceri, sarei dell’idea che queste non vengano mai attuate o, visto che ad impossibilia nemo tenetur, date a corpi estranei alle carceri come la Polizia di Stato.
    Un passaggio che dovrebbe avvenire attraverso un collegamento funzionale con quest’ultima che viene ad istituire un reparto apposito, nel momento del bisogno di un supporto nelle frequenti situazioni di conflitto e di tensione all’interno della struttura carcere, e terminato questo momento di conflitto che ritornino presso la sede.
    Recenti disposizioni del Ministero dell’Interno andrebbero verso questa direzione, confermando la mancata capacità del Ministero della Giustizia nel produrre cambiamenti o riconfermare vecchie e conosciute modalità operative.
    leggi anche http://Permalink: https://www.corrierenazionale.net/coronavirus-quan…ia-penitenziaria/
    Cosa stiamo aspettando?
    Ancora la sentenza dei posteri o che passi il cadavere del nemico sul letto del fiume?
    leggi anche http://Permalink: https://www.corrierenazionale.net/il-sappe-ha-ragi…a-sotto-organico/
    E chi sarebbe in questo casa il nemico? La nostra burocrazia?
    Ebbene siamo lo zimbello d’Europa.
    Posso solo concludere invitando le autorità politiche ad una banale riflessione:un diverso assetto del Corpo di Polizia Penitenziaria non certo diviene la panacea per tutti i problemi del carcere, specie quelli del sovraffollamento e della prescrizione dei reati, ma sarebbe un buon punto di partenza qualora si decidesse di partire e di non affogare in situazioni stagnanti e stantie !
    Antonio Peragine
    direttore@corrierenazionale.net
    redazione@corrierenazionale.net

  4. Sono d’accordo al passaggio al ministero dell’interno … ma non credo ci sia volontà politica e qualcuno in grado di poter portare a termine questa “epocale ” riforma. Ritengo che i tempi al raggiungimento dell’obbiettivo siano buoni… ma certamente complessi. Comunque cercherò di essere positivo… evviva il Corpo di Polizia Penitenziaria…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy link
Powered by Social Snap