Partito Comunista Italiano

Sito ufficiale del PCI

Non demonizzate la Cina – cercate invece delle lezioni

Traduzione e introduzione di Lorenzo Battisti (Dipartimento Esteri PCI)

Continuiamo a proporre letture per questo periodo di quarantena. Questo articolo viene dal Canada dove il giornale del Partito Comunista denuncia due temi che troviamo anche in Italia. Da una parte la demonizzazione della Cina, perché i lavoratori non vedano che esistano modi altenativi di gestire l’epidemia e la società; lo svilimento dei servizi pubblici di sanità e l’abbandono dei lavoratori a se stessi. Questa testimonianza viene da un compagno che vive in Cina.

Peter Miller a Chongqing

Durante la pandemia sono in Cina e mi ha addolorato vedere la propaganda anti-cinese guadagnare terreno in Occidente, anche in Canada.

Invece di dare la colpa alla Cina per un virus che non conosce confini, dovremmo cercare in Cina lezioni su come il Canada dovrebbe rispondere alla crisi COVID-19. Durante il culmine della crisi in Cina, sia a Chongqing, dove vivo, sia in tutta la Cina, i residenti hanno seguito le regole su quante volte potevano uscire. Per quanto mi riguarda, potevo lasciare il mio complesso residenziale solo una volta ogni due giorni per andare a fare la spesa. Questo è stato definito “autoritario” dalla stampa occidentale, ma invece di essere autoritario, era chiaramente una misura necessaria per arginare la diffusione del virus.

La Cina non aveva abbastanza letti d’ospedale nei luoghi dell’epicentro della crisi, come Wuhan, ma gli ospedali sono stati costruiti rapidamente in 10 giorni. Su China Global Television Network (CGTN) sono stati proiettati video toccanti di infermieri e medici che non potevano stare con i loro figli a causa della quarantena, con il riconoscimento che questa temporanea difficoltà era necessaria per sconfiggere il virus e non rischiare di diffondere la malattia alle proprie famiglie.

Ho lasciato la Cina il 20 febbraio per tornare in Canada, ma sono tornato in Cina l’11 marzo, dopo che mi è stato chiesto di tornare a lavorare. Sono tornato prima che Justin Trudeau consigliasse alla gente di rimanere in Canada, ma sono grato di essere venuto in un paese che è chiaramente più sicuro e che fa sicuramente di più per sconfiggere il virus. Oggi, la maggior parte dei nuovi casi in Cina sono importati dall’estero, quindi sono state prese misure per fermare una seconda diffusione del virus.

Per me, come per tutti gli altri nuovi arrivati in Cina, trascorrerò 14 giorni di quarantena nel mio appartamento dopo essere tornato a Chongqing. La temperatura mi viene controllata ogni due giorni dalle infermiere, e sono stato anche sottoposto al test COVID-19 nel caso in cui fossi asintomatico. C’è una telecamera puntata sulla porta del mio appartamento per assicurarsi che non me ne vada. Si potrebbe pensare che sia un’esagerazione, ma la telecamera non interferisce con la mia privacy ed è invece un segno di quanto questo virus debba essere preso sul serio.

Ogni giorno in Cina mi preoccupo per le persone che vivono in Canada. I governi neoliberali non hanno preso il virus abbastanza sul serio. Certo, ci sono stati degli sforzi per incoraggiare le persone a praticare l’allontanamento sociale, ma non vedo i massicci investimenti dei governi canadesi nella creazione di più letti d’ospedale e di più ventilatori che saranno necessari molto presto. Un mio amico che mostra i sintomi sta avendo grandi difficoltà a fare il test, mentre io sono stato testato in Cina come misura precauzionale.

Infermieri, medici e pazienti con sintomi lievi vengono lasciati a cavarsela da soli e si auto-quarantano dopo aver trascorso del tempo al pronto soccorso, quando invece lo Stato dovrebbe trovare posti adeguati per mettere in quarantena le persone senza che queste rischino di contagiare i loro amici e le loro famiglie. L’elenco dei problemi che vedo in Canada non finisce mai, e i governi devono essere ritenuti responsabili.

Il governo liberale userà questo virus come scusa per tagliare sui lavoratori in Canada, ma non possiamo lasciarglielo fare. Dobbiamo invece chiedere una migliore assistenza sanitaria pubblica, un’assicurazione contro la disoccupazione più solida e un’istruzione gratuita. Mentre lavoriamo per sconfiggere questa crisi, dovremmo anche investire in posti di lavoro verdi per sconfiggere la crisi del cambiamento climatico ancora più esistenziale. Non cedete alla propaganda anti-cinese, ma chiedete di più ai vostri governi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap