Partito Comunista Italiano

Sito ufficiale del PCI

PCI: NO AI 15 MILIARDI DI EURO PER GLI F-35!

di dipartimento esteri PCI

nof35

Il Partito Comunista Italiano dichiara la propria, indignata, ferma contrarietà all’introduzione, nella Legge Finanziaria del 2016, di un capitolo di spesa di 15 miliardi di euro per l’acquisto dei cacciabombardieri F- 35.

Rispetto all’intero, drammatico, quadro sociale italiano, che oggi è ulteriormente aggravato dai grandi danni provocati dal terremoto nel centro Italia, non è affatto retorico affermare che questa spesa militare è una vergogna!

All’inoccupazione e alla povertà di massa, all’oltre 40% di disoccupazione giovanile, alla destrutturazione generale dello stato sociale, oggi si aggiungono le centinaia di migliaia di persone che soffrono nelle zone terremotate; si aggiungono le 200 mila abitazioni crollate e da ricostruire. Un progetto di ricostruzione, chiamato dal governo Renzi “Casa Italia”, per il quale è stato previsto uno stanziamento di 3 milioni di euro e di fronte al quale i 15 milioni di euro annunciati dalla Finanziaria 2016 per l’acquisto degli F-35 sono uno scandalo, una follia “borbonica, così antipopolare da evocare la linea politica di un Paese in guerra e volto alla difesa dei propri confini nazionali, piuttosto che un Paese di fronte alle sue grandi questioni sociali e ad un’immensa emergenza come quella dell’infinito sisma che l’attanaglia.

Perché il governo Renzi sceglie una strada tanto vergognosa? E’ lo stesso, apparentemente incomprensibile, scarto tra l’orrenda spesa militare per gli F-35 e l’esigenza dei grandi investimenti che oggi rapidamente occorrono per il popolo dei terremotati, a suggerirci la risposta: ciò che prevale è il legame di fedeltà e sudditanza del governo italiano all’Alleanza Atlantica; ciò che prevale è lo storico ruolo italiano di genuflesso fornitore di fondi e di ricchezza per il Pentagono, affamato di risorse economiche per la preparazione delle guerre in ogni parte del mondo, per l’accerchiamento militare a Russia e Cina e per l’ipotesi di una terza guerra mondiale.

I 15 miliardi di euro per gli F-35 non possono servire, infatti, che a questo: ribadire, come governo – schiavo e mentre tanta parte della popolazione italiana è in sofferenza, il ruolo di suddito degli USA e della NATO.

Sono solo queste le due questioni che contano, nell’acquisto immorale degli F-35: rimarcare il servilismo strategico e proseguire nell’ingente spostamento di risorse economiche italiane verso il Pentagono.

Perché null’altro, oltre ciò, c’è di “razionale” ( se mai fosse razionale una spesa di 15 miliardi di euro per aerei da guerra ! ) nell’acquisto degli F-35: questi cacciabombardieri, infatti, sono ormai considerati, persino da generali USA e NATO, molto inaffidabili. Essi,infatti, rispondono alla nuova logica bellica dettata dalle bramosie guerrafondaie dell’imperialismo: approntare, più che mono-armi moderne, interi “sistemi d’arma”, sistemi sempre più complessi sul piano tecnico e dell’interoperabilità tra meccanica, elettronica, informatica e persino robotica. Sistemi, insomma, da terza guerra mondiale.

A questo progetto generale ha risposto la costruzione avveniristica degli F-35, considerati non solo e non più dei cacciabombardieri, ma intere piattaforme militari multiuso, ipertecnologizzate: veri e propri, dunque, “sistemi d’arma” e non più semplici cacciabombardieri. Da ciò l’immenso costo di ognuno degli F-35; da ciò i 15 miliardi di euro che il governo Renzi deve, per l’osservanza del Patto Atlantico, sborsare al Pentagono, sottraendoli ai terremotati, ai disoccupati, ai giovani italiani senza futuro.

Ma aggiungendo: proprio la natura di “sistemi d’arma” futuribili e di sperimentazione ha fatto sì che gli F-35 abbiamo dimostrato, in questi anni, la loro inaffidabilità tecnologica, tante volte denunciata anche da settori importanti del Pentagono, quanto rimossa dal Comando del Pentagono stesso, più disinvoltamente e cinicamente volto alla vendita di questi aerei da combattimento e al profitto da ricavarci, per investire ancora in guerra.

Proprio in questi giorni ( e non a caso) il Pentagono sta cantando le lodi dell’Arsenale strutturato a Cameri, in provincia di Novara, dove gli F-35 si assemblano e montano. Da tempo “gli americani” – come si esprimono a Cameri – raccontano la leggenda di quanto lavoro abbia portato il montaggio degli F-35 in paese. Alcune decine di persone, rispondono i cittadini di Cameri più consapevoli. E per questi pochi posti di lavoro il governo italiano si svena, svena i lavoratori italiani ?

La verità, abbiamo visto, è un’altra: è la servitù militare insita nella firma del Patto Atlantico che costringe i governi italiani che si succedono a fare tutto ciò che gli USA e la NATO chiedono. Oggi acquistare, per riempire le casse del Pentagono, gli F-35: terribili carrette del cielo, tanto tecnologiche, informatizzate e costose quanto fatiscenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap