Partito Comunista Italiano

Sito ufficiale del PCI

PROMUOVERE LA MASSIMA UNITÀ CONTRO IL GOVERNO DRAGHI!

di Partito Comunista Italiano, Fronte Popolare e La Città Futura

Il Partito Comunista Italiano, Fronte Popolare, La Città Futura, nel rimarcare il proprio impegno per l’unità comunista entro un fronte della sinistra di classe, sottolineano il cambio di fase politica di assoluto rilievo rappresentato dall’affermazione del governo Draghi, espressione dei poteri forti, ossia delle élite finanziarie ed economiche, italiane ed europee, e la necessità di promuovere nei suoi confronti la più ampia ed unitaria opposizione possibile delle forze politiche, sindacali, sociali.

Tale governo, infatti, si evidenzia essere l’approdo di un percorso che viene da lontano, pienamente dentro la logica che sostanzia il processo di Unione Europea affermatosi, che contempla, tra l’altro, una progressiva riduzione del ruolo e della funzione dei governi e dei parlamenti, nonché degli assetti costituzionali più avanzati, come una scelta volta a normalizzare il quadro politico dato in una chiave pienamente europeista ed atlantista, ed assume un carattere costituente, volto ad affermare un assetto di potere destinato a durare nel tempo, connotandosi come strumento della riorganizzazione del capitalismo italiano, del suo rilancio.

Il PCI, FP, LCF sottolineano che la posta in palio è quella del chi sarà chiamato a pagare il prezzo della crisi finanziaria deflagrata nel 2008, parte della crisi strutturale nella quale versa il sistema capitalista, per tanta parte mai risolta, e da un anno drammaticamente amplificata sul piano economico e sociale dalla pandemia da Covid 19, della finalizzazione delle politiche largamente eterodirette dall’Unione Europea attraverso il Recovery fund ed il Recovery plan.
Politiche largamente finanziate attingendo a prestiti, alla cui restituzione l’Italia sarà comunque chiamata e che avranno come effetto di vincolarne ulteriormente e gravemente il modello di sviluppo e le politiche.

Una posta, quella in gioco, ascritta al progetto, non casualmente definito Next generation UE, che fa compiere all’Unione Europea un passo in avanti significativo, che la proietta sempre più lontana dall’essere soltanto un mercato unico per divenire sempre più una potenza economicamente strutturata.
Il consenso dato al governo Draghi dalla gran parte delle forze politiche presenti in Parlamento, oltre che configurarsi per tanta parte come mero trasformismo, evidenzia la subordinazione di queste al capitale finanziario, il loro essere pienamente dentro il quadro di compatibilità dato, a quel “pensiero unico” da tempo imperante.

Ciò che si prospetta con l’affermazione dello stesso è una situazione nella quale a pagare il prezzo della crisi saranno nella sostanza chiamati il mondo del lavoro, mai così frammentato e mortificato sul terreno della tutela, i pensionati, i ceti popolari, mai così lontani dal vedere rappresentate e risolte le loro istanze.
Servono politiche in assoluta discontinuità rispetto a quelle date, che si prospettano.

Per queste ragioni il PCI, FP, LCF sono in campo, e si sentono impegnati a promuovere e a sostenere, ai diversi livelli, le diverse iniziative di mobilitazione volte a fare comprendere la posta in gioco, ad aggregare attorno a proposte alternative che si misurino con la gravità della situazione, con i reali bisogni delle masse popolari, ad esempio sul terreno del lavoro, della salute, dell’istruzione, dei diritti, a dare il senso del cambiamento necessario e possibile
assieme.

In tale ottica il PCI, FP, LCF, evidenziando, anche sulla scorta dell’Assemblea dei Lavoratori Comunisti, la positività di diverse esperienze, si sentono impegnate a promuovere, nel pieno rispetto dell’autonomia politica ed organizzativa di ciascuno, la più ampia unità d’azione possibile tra tutte le soggettività politiche, sindacali e sociali che non si rassegnano alla situazione data, e la costruzione, attorno ad una qualificata piattaforma alternativa, di un fronte comune contro il governo Draghi, di una opposizione di massa volta ad incidere sui rapporti di forza in essere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy link
Powered by Social Snap