Home Esteri Americhe Solidarietà al PC del Cile

Solidarietà al PC del Cile

125
0

Pubblichiamo di seguito la lettera inviata dal Dipartimento Esteri del PCI al Partito Comunista del Cile, per esprimere la propria solidarietà internazionalista contro la persecuzione anticomunista di cui sono oggetto in queste settimane i compagni cileni.

di Dipartimento Esteri PCI

Cari compagni,
Esprimiamo a nome dei comunisti italiani la piena solidarietà al vostro partito e ai vostri deputati. L’attacco portato dal governo e dalle forze reazionarie contro il vostro partito mostra la debolezza delle forze politiche che lo sostengono, costrette ad attaccare chi denuncia e lotta contro le ingiustizie, la corruzione e lo sfruttamento. Il conseso popolare verso queste misure diminuisce ogni giorno proprio grazie a chi, come i comunisti cileni, è sempre stato dalla parte del popolo, dei lavoratori e della solidarietà internazionale.

Il Cile ha sofferto una lunga e feroce dittatura in passato, che ha colpito duramente tutte le forze progressiste, ha causato migliaia di morti e sofferenza e povertà per tutto il popolo cileno. Il ruolo dell’imperialismo americano fu fondamentale nel sostegno della dittatura dei Pinochet e non dubitiamo che ancora oggi i reazionari cileni, come quelli italiani, ricevano sostegno e mezzi da un imperialismo sempre più in crisi, come mostrano gli scontri e la violenza che attraversa oggi la società americana. Una debolezza che è sempre più evidente anche sul piano internazionale, dove l’emergere economico e politico dei paesi in via di sviluppo (in primis la Cina e i Brics) mostra un’alternativa al mondo unipolare costruito dagli imperialisti americani. I comunisti cileni non sono soli e riceveranno tutto il sostegno internazionale dei comunisti e dei democratici del mondo intero. Vi chiediamo di esprimere ai vostri deputati la più stretta solidarietà, così come alle loro famiglie a tutti i compagni e le compagne del vostro partito. Vi chiediamo di inviarci notizie sullo sviluppo degli eventi in Cile perché i comunisti italiani possano costruire la solidarietà nel nostro paese e possano informare i lavoratori italiani sui fatti cileni.


Dear Comrades,
On behalf of the Italian Communists, we express our full solidarity with your party and your deputies. The attack brought by the government and reactionary forces against your party shows the weakness of the political forces that support it, forced to attack those who denounce and fight against injustice, corruption and exploitation. The popular consensus towards these measures is diminishing every day thanks to those who, like the Chilean communists, have always been on the side of the people, the workers and international solidarity.

Chile has suffered a long and ferocious dictatorship in the past, which has hit all progressive forces hard, causing thousands of deaths and suffering and poverty for all the Chilean people. The role of American imperialism was fundamental in supporting the Pinochet dictatorship and we do not doubt that even today Chilean reactionaries, like those in Italy, receive support and means from an imperialism that is increasingly in crisis, as the clashes and violence that American society is experiencing today show. A weakness that is increasingly evident also on the international level, where the economic and political emergence of developing countries (first of all China and the Brics) shows an alternative to the unipolar world built by American imperialists. The Chilean Communists are not alone and will receive all the international support of Communists and democratics around the world. We ask you to express the closest solidarity to your deputies, as well as to their families to all comrades and companions of your party. We ask you to send us news about the development of events in Chile so that Italian Communists can build solidarity in our country and inform Italian workers about the events in Chile.

Italian Communist Party – International Department

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here