Home Esteri Un contenimento che non lo è!

Un contenimento che non lo è!

43
0

Traduzione di Lorenzo Battisti, PCI Parigi

Venerdì il governo ha annunciato nuove misure per combattere la seconda ondata della pandemia. Tra questi c’è un nuovo confinamento… che non è proprio un confinamento. Infatti, Franck Vandenbroucke, ministro della Sanità socialdemocratico, ha insistito sul fatto che le fabbriche dovrebbero essere lasciate funzionare… e quindi esporre i lavoratori al virus, dimostrando ancora una volta che questo governo è al servizio del capitale.

Il governo ascolta solo la FEB e le federazioni padronali. Qualche settimana fa, Pieter Timmermans, il capo dei capi, ha affermato, in modo criminale e falso, che i luoghi di lavoro non erano focolai di infezione. La lotta di metà settembre ad ab inbev, dopo lo sviluppo di diversi casi nella fabbrica di Jupille, ha dimostrato proprio che i datori di lavoro non avevano messo in atto i protocolli sanitari che avrebbero protetto i lavoratori. AB-Inbev non è un caso isolato: i controlli hanno rivelato che, nel periodo da marzo ad agosto, quasi 3223 datori di lavoro non hanno rispettato le norme sanitarie senza che venissero formulate sanzioni nei loro confronti, ma solo avvertimenti.

Il loro slogan: in massa al lavoro, confinati nella vita!

Come ogni volta dall’inizio della crisi sanitaria, le dichiarazioni mostrano che il governo naviga a vista, il che corrisponde alla visione miope del capitalismo. Dall’inizio della pandemia, 8 mesi fa, i partiti borghesi si sono preoccupati maggiormente della distribuzione dei posti ministeriali per la composizione del governo federale, che appare chiaramente come una ricomposizione della borghesia.

Dopo uno smantellamento sistematico del settore sanitario negli ultimi 8 mesi, i governi si sono ovviamente dimostrati incapaci di preparare il settore sanitario, le scuole, i trasporti pubblici e l’economia ad affrontare la seconda ondata: i lavoratori sono a pezzi, le scuole sono focolai di contaminazione nonostante le prime dichiarazioni del ministro Désir, autobus, tram e treni sono affollati e gli ospedali sono sopraffatti.

Per giustificare la loro negligenza e le misure incoerenti da un giorno all’altro, i vari governi del Belgio hanno applicato la strategia della paura e delle misure autoritarie, invocando la responsabilità individuale facendo piazza pulita del sistema capitalista. Lo Stato borghese ha istituito il coprifuoco e ieri abbiamo avuto la conferma che l’economia non essenziale viene mantenuta: in questo sistema noi, i lavoratori, abbiamo proprio il diritto di essere sfruttati, di lavorare per pagare i dividendi degli azionisti e i profitti dei monopoli. E’ metro-lavoro e sonno.

Non siamo carne da macello! Le nostre vite valgono più dei loro profitti!
L’urgenza è di proteggere i lavoratori e se ieri il telelavoro è stato presentato per la prima volta come soluzione d’emergenza, ora è generalizzato e reso obbligatorio “quando possibile”, lasciando alla
direzione il compito di dettare la sua legge sulla fattibilità o meno e di esporci al virus. Se oggi il telelavoro viene imposto, è necessario ricordare tutti i rischi e le violazioni dei diritti dei lavoratori che esso comporta, come ci ha ricordato la Federazione Mondiale dei Sindacati lo scorso settembre: il
telelavoro ha un effetto negativo sulle condizioni di lavoro dei lavoratori (aumento del carico di lavoro, richiesta di disponibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7, mancata fornitura della connessione a Internet e del software necessario, mancata fornitura di attrezzature ergonomiche gratuite da parte delle aziende).

Inoltre, i lavoratori sono isolati e tagliati fuori dalla loro organizzazione sindacale e i controlli, in particolare sugli straordinari, non sono garantiti. Il telelavoro non è quindi l’ideale, né il riconfinamento è una strategia a lungo termine. Senza investimenti nella protezione della popolazione, cioè nei servizi pubblici, nelle infrastrutture sanitarie ed educative, nel reclutamento del personale, nella messa fine al numerus clausus, come richiesto dai lavoratori a livello di base, la pandemia non sarà mai veramente fermata e sarà confinamento dopo confinamento con
un’interruzione e un degrado dei servizi pubblici in accordo con gli interessi della borghesia e le direttive europee.

Tuttavia, nella conferenza stampa di venerdì, non è stato detto nulla sulle richieste necessarie e sul necessario rifinanziamento dei servizi pubblici per affrontare la pandemia. Al contrario, per tutta la settimana sono state solo proposte che hanno avuto l’effetto di aumentare il nostro sfruttamento: insieme il ministro socialdemocratico Dermagne e il capo della federazione dei datori di lavoro dell’Agoria hanno chiesto la messa a disposizione di lavoratori disoccupati nei settori in crisi. Una proposta simile era già
stata trasmessa all’inizio di questa settimana da un altro ministro socialista Christie Morreale.

Sono le risposte di un sistema in crisi che porterà a una nuova concentrazione di capitali: mentre le piccole imprese dovranno rimanere chiuse, i grandi marchi e i monopoli come Colruyt o Amazon, che si
sono arricchiti durante la crisi, continueranno ad aprire i loro scaffali, anche per i non essenziali. È inevitabile che alcuni “piccoli” saranno assorbiti dai “grandi” che potranno imporre la loro legge ai lavoratori.

Tuttavia, tutte queste misure non soddisfano i datori di lavoro, che ritengono che non siano sufficienti: Pieter Timmermans sta già chiedendo un piano Marshall per le aziende.

Non siamo la carne da macello dei padroni. Ciò di cui abbiamo bisogno è una strategia di lotta contro questo sistema barbaro.
Hanno limitato la nostra vita sociale, non i loro profitti!
Il confinamento è principalmente una restrizione della nostra vita sociale, quando il tempo libero e i legami sociali sono essenziali. Karl Marx già nel 1865 analizzava in Salari, Prezzi e Profitto che “Un uomo che non ha tempo libero, la cui intera vita, a parte le interruzioni puramente fisiche per il sonno, i pasti, ecc, è monopolizzata dal suo lavoro per il capitalista, è meno di una bestia da soma. È una mera macchina per produrre ricchezza per gli altri, fisicamente schiacciata e intellettualmente sbalordita.

Eppure tutta la storia dell’industria moderna dimostra che il capitale, se non viene ostacolato, lavora senza riguardo e senza pietà per portare l’intera classe operaia a questo livello di estremo degrado. »
Per questo motivo il Partito comunista sostiene le richieste degli operatori sanitari, la lotta per l’assunzione di personale, la creazione di nuove infrastrutture sanitarie ed educative, migliori condizioni di lavoro, misure efficaci di protezione della salute, una copertura al 100% del salario precedente.
Non possiamo lasciare l’economia e il potere politico nelle mani di parassiti, rapaci e saccheggiatori. Di fronte agli attacchi congiunti dello Stato borghese e dei datori di lavoro, costruiamo il fronte unito dei lavoratori, costruiamo un fronte di classe contro classe di tutti i lavoratori, combattendo i sindacalisti e gli studenti: un fronte antifascista, anticapitalista, antimperialista, per il socialismo e la pace.

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here