Home Dai territori A BRESCIA IL PCI PARLA DI LAVORO E AGGIUNGE IL SUO 0,5%...

A BRESCIA IL PCI PARLA DI LAVORO E AGGIUNGE IL SUO 0,5% AD UNA SINISTRA IN DIFFICOLTA’

260
0

di Lamberto Lombardi, Segretario PCI Brescia

Il voto amministrativo bresciano si è tenuto sotto il peso di due ingombranti incognite ereditate dal voto politico nazionale di tre mesi fa: la protesta contro il PD e la rimonta di una destra radicalizzata sotto la guida di Salvini.

Ma il blocco sociale a sostegno della maggioranza PD in Loggia, poteri forti dietro un associazionismo spesso di facciata e un cooperativismo spesso pesantemente deteriorato, si presentava già come granitico consigliando ai principali notabili del centrodestra, Lega compresa, di declinare una candidatura da probabili perdenti.

sostieni il partito

In più la nuova coalizione alla guida del Paese si presentava, a Brescia, divisa, con i Cinque Stelle a correre da soli.

Il sindaco uscente Del Bono ha così rieditato una versione del cattolicesimo democratico tanto in voga da queste parti nella prima Repubblica, e senza mai fare una volta il nome del PD e senza mai invitare un esponente nazionale di quel partito è riuscito a smarcarsi rispetto al declino del centrosinistra incassando i voti legati ai suoi indubbi meriti ed al serrate le fila contro il nemico alle porte.

Tanto che anche la storica componente di sinistra della coalizione ne è risultata ridimensionata sino alla marginalità. L’astensionismo a destra gli ha consegnato una vittoria al primo turno, vittoria in cui è apparsa chiara l’ininfluenza della sinistra di governo che non è mai stata in grado di introdurre nella campagna elettorale temi che avessero attinenza col sociale.

La questione del lavoro, in tutte le sue componenti, è stata introdotta nella campagna elettorale solo dal PCI che, affacciandosi per la prima volta alla competizione elettorale, incassa uno 0,5% che va ad aggiungersi allo 0,8 di Potere al Popolo, che conferma il proprio risultato delle politiche, e al 3,1 della sinistra di governo che dimezza i voti rispetto alla precedente amministrativa. Un debutto incoraggiante che ne fa l’unica compagine di sinistra in crescita. Intanto a pochi chilometri chiude un’altra azienda e più di trecento lavoratori restano a casa. Si riuscirà, col solo velo dell’antifascismo, ad affrontare questi passaggi drammatici? La battaglia del PCI è appena cominciata.

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Solve : *
14 × 15 =