Home In evidenza Cangemi (PCI): le dimissioni di Fioramonti certificano fallimento del governo su istruzione...

Cangemi (PCI): le dimissioni di Fioramonti certificano fallimento del governo su istruzione e ricerca.

942
0

Dichiarazione di Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del Partito Comunista Italiano

Prendiamo atto, che dopo averle minacciate più volte Lorenzo Fioramonti, ha presentato le proprie dimissioni da ministro dell’istruzione, motivandole con la grave insufficienza dei fondi stanziati dall’esecutivo. Non c’è dubbio che, questo, è un gesto che certifica il fallimento del governo su scuola, università e ricerca. – ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI.

Un fallimento che riguarda innanzitutto le risorse, su cui nasce la polemica. Stiamo parlando è bene chiarirlo, delle risorse indispensabili alla sopravvivenza (la linea di galleggiamento, secondo le parole di Fioramonti) di un settore vitale per il paese, non di quelle necessarie ad affrontarne i problemi strutturali, o almeno a risanare le ferite dei tagli degli ultimi venti anni.

Ebbene quelle risorse essenziali, nonostante gli impegni, il governo non le ha trovate. E non le ha trovate perché investire sulla scuola, persino dare solo qualche segnale reale di cambio di rotta, è nonostante le parole, incompatibile con i vincoli europei e con le interne contraddizioni della maggioranza di Conte.

E oggi ci troviamo di fronte ad una situazione drammatica: senza risorse per il contratto, senza risorse per puntellare organici falcidiati e per affrontare il problema di un precariato sempre più grande e ingestibile.
E le incertezze non riguardano solo gli stanziamenti, riguardano anche le linee strategiche per il comparto, in una maggioranza confusa e divisa, come dimostrano le scelte sull’ Invalsi. E il pericolo, sempre presente, dell’autonomia differenziata.

In questa situazione allarmante è prioritario che tutte le lavoratrici e i lavoratori della conoscenza facciano sentire la propria voce, si mobilitino per chiedere un radicale cambiamento delle politiche che hanno umiliato la scuola, l’università, la ricerca. – ha concluso Cangemi.

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here