Home Italia Campagne nazionali COL FASCISMO NESSUNA ANALOGIA POSSIBILE. IN DIFESA DEL COMUNISMO

COL FASCISMO NESSUNA ANALOGIA POSSIBILE. IN DIFESA DEL COMUNISMO

5275
2

di Redazione. Pubblichiamo il testo dell’appello promosso dalla Segreteria nazionale del PCI, con l’elenco dei primi firmatari e l’indirizzo email al quale inviare la propria adesione.

È grave e sconcertante l’iniziativa lanciata dal quotidiano Il Tempo che, contrapponendosi di fatto al risveglio di una vera, forte e non meramente retorica coscienza antifascista nel nostro Paese, propone oggi una “anagrafe anticomunista” con l’intento dichiarato di mettere al bando il comunismo. Non è una novità: già in altri Paesi si sono verificate iniziative simili che, in taluni casi, hanno persino portato alla messa fuori legge dei comunisti e delle loro organizzazioni, come nel caso dell’Ucraina e prima ancora con il caso della gioventù comunista della Repubblica Ceca. A ciò si aggiunge l’istituzione da parte dell’Ue della  “Giornata europea di ricordo delle vittime dei regimi totalitari”, evidentemente propedeutica all’equiparazione nazismo-comunismo.

Respingiamo nettamente questo tentativo, pregno di un’ideologia che, attraverso l’equiparazione di fascismo e comunismo, punta in realtà a colpire esclusivamente quest’ultimo, a negarne e mistificarne la storia. Che l’avvento del protagonismo delle classi lavoratrici e dei popoli oppressi nella storia abbia rappresentato un passo decisivo per l’avanzata generale dei diritti, delle libertà e del progresso sociale è un fatto inconfutabile e storicamente oggettivo. Dalle conquiste dei diritti del lavoro, alla lotta e alla vittoria contro il nazifascismo, passando per la liberazione dei popoli dal colonialismo, per l’emancipazione delle donne e per il protagonismo dei giovani, la storia del comunismo è inscindibilmente legata a quella della lotta per la liberazione dalle catene e dall’oppressione del modello sociale capitalista.

Esempio eloquente della spinta verso un orizzonte di libertà e di liberazione è la storia peculiare dei comunisti in Italia, nel cuore della Resistenza vittoriosa contro il nazifascismo prima e nella costruzione e difesa dell’Italia democratica e repubblicana poi, di cui uno dei fondamenti più importanti è certamente la Carta costituzionale che, non a caso, porta anche la firma del comunista Umberto Terracini.

Diciamo NO all’ennesimo subdolo tentativo di equiparazione tra “totalitarismi”; rivendichiamo il ruolo imprescindibile del movimento comunista nello sviluppo e nel progresso di tutta l’umanità; difendiamo la storia del comunismo italiano e chiediamo la massima attenzione e allerta dinanzi al risorgere di sentimenti razzisti,funzionali al progetto liberale di ricolonizzazione del mondo e alimentati da politiche antipopolari che spingono verso una guerra tra poveri: sentimenti e pulsioni che, assieme alle tendenze militariste e alle politiche di guerra che pure si riaffacciano in modo preoccupante, hanno sempre rappresentato un terreno fertile per il fascismo e per le organizzazioni che ad esso esplicitamente si richiamano. Sono tali organizzazioni che devono essere fermate e sciolte rispettando quanto sancito dalla Costituzione italiana, la quale nella XII disposizione transitoria e finale vieta “la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”.

E’ possibile sottoscrivere scrivendo a noanticomunismo@libero.it 

Primi firmatari:

  • Mauro Alboresi (segretario nazionale PCI)
  • Umberto Lorenzoni (commissario del battaglione “Castelli” della divisione partigiana Nino Nannetti)
  • Domenico Losurdo (filosofo, presidente Associazione Marx XXI)
  • Viola Carofalo (capo politico Potere al Popolo)
  • Maurizio Acerbo (segretario nazionale PRC)
  • Angelo d’Orsi (storico del pensiero politico, Università di Torino)
  • Mauro Casadio (Rete dei Comunisti)
  • Manlio Dinucci (esponente del movimento contro la guerra e saggista)
  • Gianni Ferrara (costituzionalista)
  • Guido Liguori (docente di Storia del pensiero politico contemporaneo, Università della Calabria)
  • Vincenzo Vita (presidente ARS)
  • Giorgio Nebbia (docente di merceologia, ambientalista)
  • Giorgio Cremaschi (sindacalista)
  • Paolo Ferrero (Vice Presidente Sinistra europea)
  • Michele Prospero (filosofo, Università La Sapienza)
  • Pierpaolo Capovilla (cantante Teatro degli Orrori)
  • Raul Mordenti (docente facoltà di Lettere e Filosofia”, Università degli Studi Tor Vergata)
  • Enrico Capuano (cantante)
  • Ruggero Giacomini (storico della Resistenza, studioso di Antonio Gramsci)
  • Alessandro Belardinelli (operaio, Rsu Fiom “Whirpool – Indesit)
  • Marino Severini (“voce” e chitarra de la Gang”)
  • Bassam Saleh (segretario Al Fatah Italia)
  • Mariella Cao (Gettiamo le basi)
  • Domenico Moro (economista)
  • Mario Brasu (poeta e pastore Sardegna)
  • Alessandra Ciattini (antopologa Uniroma, collaboratrice della Città Futura)
  • Rossana Platone (storica della letteratura russa)
  • Guido Carpi (storico della letteratura russa, Università Orientale di Napoli)
  • Sergio Cararo (direttore Contropiano)
  • Mauro Gemma (direttore Marx21.it)
  • Raffaele d’Agata (storico, Università di Sassari)
  • Luciano Trasversi (fondatore PCI Livorno)
  • Alessandra Riccio (ispanista, Università Orientale di Napoli)
  • Renato Caputo (docente Unigramsci, redattore La Città Futura)
  • Marco Santopadre (giornalista Contropiano)
  • Francesco Maringiò (pubblicista)
  • Riccardo Cavallo (docente di Filosofia del Diritto, Università di Firenze)
  • Alexander Hobel (storico, Università di Napoli Federico II)
  • Francesco Della Croce ( segretario nazionale FGCI)

 

  • Paolo Ciofi (ex parlamentare Pci, Associazione Futura umanità)
  • Luigi Cavalli (in arte Frank W. Dobrin – regista)
  • Andrea Sonaglioni (Comitato Centrale del PCI)
  • Mimmo Dieni (sindacalista CGIL)
  • Andrea Gualtieri (studente)
  • Luca Foglino (FGCI)
  • Michelangelo Bruno (studente universitario)
  • Lorenzo Gensini (studente universitario)
  • Matteo Marziliano (Ferroviere  Manfrrdonia)
  • Cristina Cirillo (Comitato Centrale PCI- candidata di Potere al popolo)
  • Lorenzo Rocco Spennato (impiegato)
  • Marco Barbieri (docente di Diritto del Lavoro – Università di Foggia)
  • Matteo Battisti (studente)
  • Raffaele Coppola (PCI Salerno)
  • Dennis Vincent Klapwijk (Responsabile Nazionale Lavoro FGCI)
  • Davide Clementi (blogger ‘Qualcosa di Sinistra’)
  • Massimiliano Ay, segretario politico del Partito Comunista (Svizzera)
  • Marco Colitti (PCI)
  • Salvatore Ferraro (resp. naz. Scuola e Università FGCI)
  • Giulio Tiradritti (animalista e comunista)
  • Patrizio Andreoli (Segretario PCI Toscana)
  • Giacomo Gnemmi (Avvocato- Ancona)
  • Giorgio Raccichini (docente, Provincia di Fermo)
  • Alberto Togni, membro di Comitato Centrale del Partito Comunista (Svizzera)
  • Nello Fiorillo (Cantautore)
  • Osvaldo Bossi (Associazione Concetto Marchesi Gallarate)
  • Vindice Lecis (giornalista e scrittore)
  • Maurizio Aversa (PCI)
  • Fabrizio Spadini (PCI Valle d’Aosta)
  • Samuele Primavera (studente, militante FGCI)
  • Bruni Vittorio (Artigiano)
  • Giuseppe Gatto (PCI Tempio Pausania)
  • Massimo Melillo (giornalista)
  • Pasquale Voza (professore emerito Università di Bari)
  • Imma Barbarossa (PRC)
  • Giorgio Langella (segretario reg. Veneto PCI)
  • Anna Maria Magagnato (sorella di Licisco Magagnato, uno dei “Piccoli Maestri”)
  • Ezio Locatelli, segreteria nazionale Prc-Se
  • Stefano Galieni (Resp. Pace, Immigrazione e Movimenti Prc S.E.)
  • Ivan Rosselli, membro del Partito Comunista (Svizzera)
  • Gino Baoduzzi (Segretario della sezione 25 aprile del PCI di Mestre-Venezia)
  • Franco Spatuzzi, pensionato FS , PCI Cava de ‘ Tirreni
  • Claudio Sensini
  • Ennio Dinacci (PCI Salerno)
  • Mauro De Felice (PCI Empoli)
  • Sandro Scardigli (segretario PCI Empolese Valdelsa)
  • Aldo Viola (Cosenza)
  • Paolo Gaccione (PCI Empoli)
  • Luciano Zambelli (Comitato Federale romano PCI)
  • Ennio Gori – (Segretario Federazione PCI Arezzo)
  • Massimiliano Romanello (Studente)
  • Damiano De Pieri, insegnante e ricercatore (Sorbonne Nouvelle (Paris) – Università di Verona)
  • Antonella Arena
  • Enzo Buda (PCI Torino)
  • Calogero Quaranta (infermiere)
  • Roberto Aureli, laureato in Filosofia, comunista
  • Stojan Spetic, Comitato Centrale PCI
  • Samuela Marconcini, consigliera comunale per la lista Fabrica Comune per la Sinistra Empoli (FI)
  • Davide Manca (Segretario cittadino PCI Pisa)
  • Giuseppe Davì (PCI – Federazione Bologna)
  • Maria Barbaro
  • Giovanni Di Meo (PCI Grosseto)
  • Loretta Boni
  • Nicolò Monti (Segreteria naz. FGCI – Candidato Potere al Popolo)
  • Gaetano Seminatore (Comitato Centrale PCI – Candidato Potere al Popolo)
  • Fabrizio Pedone (PCI)
  • Adriana Miniati (PRC)
  • Gianluca Schiavon, storico delle istituzioni politiche, presidente CNG PRC/SE
  • Gennaro Chiappinelli (Studente universitario)
  • Marco Sulas (Impiegato – Direttivo Federale PCI di Vicenza)
  • Gaetano Cirone
  • Luca Zambonin – Segretario sezione Alto Verbano (Va) del PCI
  • Giorgio Fattori – pensionato – Jesi (AN)
  • Giancarlo Alabiso (comunista)
  • Francesco Buscemi
  • Simone Antonioli (PRC – candidato Sinistra per la Lombardia)
  • Simone Farda , 26 anni , commesso di Roma
  • Luciano Pomona comitato direttivo provinciale Cgil Ravenna
  • Luigi Barozzi, lavoratore enti locali, comunista
  • Elena Barozzi, studentessa universitaria
  • Giulia Barozzi, studentessa universitaria
  • Luisa Bellini, impiegata industria privata
  • Francesco Castioni, imprenditore
  • Luciano Mari
  • Francesco Marola – dottorando
  • Ivano Senici – pensionato
  • Matteo Bellegoni – Segretario regionale PCI Liguria
  • Michele Mascella
  • Silvana Donati (Pisa)
  • PMLI e ‘Il bolscevico’
  • Corrado Morgia, già direttore dell’Istituto Palmiro Togliatti delle Frattocchie, attualmente saggista e scrittore
  • Guido Capizzi, direttore responsabile settimanale “la città futura”, economista
  • Simone Grecu, FGCI Pisa
  • Alessandro Pascale (Comitato Politico Nazionale PRC, autore del libro “In Difesa del Socialismo Reale e del Marxismo-Leninismo”)
  • Gabriele Troviso – Conversano (BA), studente universitario
  • Daniele Faccioli
  • Joseph Condello, Segretario Fed. Prov. PRC di Reggio Calabria, Comitato Politico Nazionale PRC
  • Giorgio Civiero
  • Gabriele Repaci (redazione Das Andere – L’altro)
  • Stefano Randelli (PCI Ferrara)
  • Ada Donno, docente e pubblicista
  • Stefano Tartaglia (PCI Arezzo)
  • Alessandro Pallassini, docente di filosofia e storia
  • Giampiero Spinelli, insegnante in pensione
  • Luca Battisti (Segreteria nazionale PCI)
  • Fabio De Cassan (Libero professionista e membro Comitato Centrale PCI)
  • Marco Manfrinati (PCI Varese)
  • Walter Tucci  (avvocato- giurista costituzionalista e dirigente del PCI)
  • Kiwan Kiwan – PCI di Ferrara
  • Marco Paciotti,  studente universitario e Unigramsci, redattore La Città Futura
  • Roberto Passini, www.Hyperpolis.it
  • Rinaldo Mattei (PCI Ancona)
  • Massimo Zaghi Pci Ferrara
  • Oddo Cerri, pensionato
  • Alberto Soave (Segretario PCI Genova)
  • Silvano Simonetti (Comitato Centrale PCI)
  • Samuel Iembo (Coordinatore Gioventù Comunista Svizzera)
  • Giovanni Coruzzolo – Presidente dell’Istituto di Studi Comunisti K.Marx – F. Engels
  • Enrico Mazzuoli (PRC- Circolo K.Marx Pontedera, Pisa)
  • Stefani Friani (Comitato Centrale PCI)
  • Giordano Ganeri (Cosenza)
  • Paolo Maggini (Pietra Ligure SV)
  • Enrico Chiavacci, Rufina (Firenze)
  • Paola Garelli (Pietra Ligure SV)
  • Gery Bavetta
  • Giuseppe Mattellini
  • Mauritziu Lìtera Ibba – Uras(OR)
  • Chiara Canopi
  • Luciano Pretto
  • Giuditta Manno
  • Luca Baldelli
  • Andrea Soddu

 

iscriviti

2 Commenti

  1. Il PCI è stato, è e sarà il primo baluardo contro ogni tentativo, più o meno subdolo, di rilanciare fascismi vecchi e nuovi. Mai come oggi c’è ancora bisogno dei comunisti italiani, della loro storia della loro passione e della loro cultura.
    Aderisco all’appello, Walter Tucci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here