Home In evidenza Perché questo 25 aprile vale doppio

Perché questo 25 aprile vale doppio

825
0

Il Ministro Salvini ha dichiarato che diserterà le celebrazioni. Rispondiamogli con una grande partecipazione di popolo: a conferma  dei valori della lotta di  Liberazione e della necessità di continuare a resistere e ad indignarci ancor’oggi.

di Patrizio Andreoli, Segreteria nazionale PCI e Dipartimento Politiche dell’Organizzazione

La lotta a camorra, ‘ndrangheta e mafia è la nostra ragione di vita. Il 25 aprile non sarò a sfilare qua o là, fazzoletti rossi, fazzoletti verdi, neri, gialli e bianchi. Vado a Corleone a sostenere le forze dell’ordine”. Questo quanto dichiarato da Matteo Salvini. Il messaggio ci pare chiaro. Disprezzo verso l’ispirazione e le radici antifasciste della Repubblica, e provocazione politica. Da un lato sembra dire che mentre altri perdono tempo in celebrazioni io lavoro e faccio (tra l’altro, come se la mafia la combattesse solo lui); dall’altro conferma come il 25 aprile non sia per il Ministro festa nazionale importante e dunque, somma di valori e memoria civile comune che meritano di essere ricordati e valorizzati; tant’è che egli ha altro da fare. Sentiamo già gli applausi e il batter di tacchi di tutta la destra estrema italiana che gongola in questi tempi bui di razzismo xenofobo ed omofobo, e dei vecchi e nuovi fascisti che rialzano la testa nell’onda di un nuovo vento nero. D’altro canto egli ha buoni precedenti. Berlusconi non ha mai partecipato ad alcuna cerimonia pubblica per la Liberazione. Nel 1994, capo del governo in pectore, l’ufficio stampa di Forza Italia fece sapere che il leader non si era unito alla grande manifestazione antifascista di Milano, ma aveva fatto celebrare una messa nella cappella privata di villa San Martino. Nel 2002, tornato a capo del Governo, mentre Ciampi insigniva la città di Ascoli con la medaglia d’oro alla Resistenza, era in Sardegna “per qualche giorno di relax”. L’anno successivo disertando la solenne cerimonia voluta per la prima volta da Ciampi al Quirinale, era di nuovo in villa a Porto Rotondo… E’ la “memoria che non passa”. L’irritazione politica, il rigetto storico ed il dispregio della destra italiana verso il più grande evento partecipativo di massa realizzatosi nella storia d’Italia. Un protagonismo, una coscienza attiva, un prender su di sé il proprio destino, che ancora non vanno giù, spaventano lor signori, restando limpido esempio di saldatura tra aspirazioni alla libertà e richiesta di cambiamento e giustizia sociale. Tanti buoni motivi, allora come oggi, per fare del prossimo 25 aprile occasione per un grande sussulto democratico, così come avvenuto poche settimane fa a Prato contro l’adunata fascista di Forza Nuova. Con una differenza rispetto ad allora. Che in questo quarto di secolo la nostra società si è fatta più povera e stracciona, più culturalmente involgarita, molto più bisognosa di lavoro e di speranza di un tempo. Ecco perché quest’anno, tale ricorrenza deve valere doppio! Chi è antifascista il 25 aprile sia a festeggiare col nostro popolo che in quella data ritrovò (e a quale prezzo!) le perdute libertà. Sia a festeggiare con la parte migliore del Paese che non si arrende e rilancia una nuova quotidiana resistenza al peggio. Sì, perché senza retorica, per noi la Resistenza continua e di una nuova Resistenza vi è gran bisogno! E a proposito di volgarità, va pur detto di come sia inaccettabile che Salvini si copra dietro la sacrosanta lotta alla mafia, per disertare la più significativa e bella ricorrenza civile nazionale. Egli continua a mostrarsi ovunque col giubbotto delle forze di Pubblica Sicurezza come se le stellette che esse portano, non fossero anch’esse frutto della Lotta di Liberazione e della conquistata Repubblica. Un dettaglio che forse neanche conosce e verso cui -se lo conosce- non ha interesse o addirittura ritiene irrilevante. L’altro dettaglio (trascurabile anche questo?) è che ha giurato sulla Costituzione scritta col sangue di sessantamila caduti e feriti partigiani. Davvero tutto ciò è tollerabile? Il Presidente del Consiglio Conte non ha niente da dire? Attenzione, perché ci sono segnali gravi che attraversano il Paese e si scaricano ormai come gragnole sulla

sostieni il partito

coscienza democratica, che valgono da soli più di una campagna elettorale. La scelta del Ministro degli Interni non è gesto di piccola furbizia e camaleontismo italico buono per qualche battuta. E’ scelta di lotta

politica. E’ segnale dato ad un universo sociale, economico e culturale preciso, dato al ventre cupo del Paese e al neofascismo nazionale. Ecco perché per i comunisti il vento fischia ancora. Bisogna continuare a lottare e a indignarci: il 25 aprile, e per tutto il resto del calendario.

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Solve : *
24 ⁄ 6 =