Home Esteri Wall Street, il cuore finanziario degli Stati Uniti e della globalizzazione capitalista

Wall Street, il cuore finanziario degli Stati Uniti e della globalizzazione capitalista

67
0

Traduzione e introduzione di Lorenzo Battisti, Dipartimento Esteri PCI

I mercati finanziari non dormono mai. Non si fermano mai. I loro operatori, che sono sempre più algoritmi e non persone, continuano a calcolare continuamente i modi per fare soldi con i soldi. Mentre noi cercavamo di salvarci dalla pandemia, alcuni altri stavano guadagnando miliardi di dollari. O di Euro, Yen, Sterline. Nonostante la crisi del 2008 e quella imminente, nulla ha scalfito il potere e l’influenza della finanza americana. Per cercare di fare luce su questo mondo nebbioso (esiste anche la finanza ombra) riteniamo interessante proporre questo articolo che è uscito sulla rivista del Partito Comunista Francese, Cause Commune.

Articolo pubblicato sul numero 16 della rivista Cause Commune.

di Denis Durand, Commissione economica del PCF

Nel 2007, cinque grandi banche d’investimento incarnavano il potere di Wall Street: Merrill Lynch, Goldman Sachs, Morgan Stanley, JP Morgan Chase e Lehman Brothers. Nessuna è uscita indenne dalla crisi finanziaria del 2007-2008. Eppure, tredici anni dopo, Wall Street regna ancora una volta, più che mai, sul sistema finanziario occidentale.

Lehman Brothers è scomparsa durante la notte del 15 settembre 2008. Merrill Lynch è stata assorbita da un’importante banca di depositi, la Bank of America. JP Morgan Chase è ora il risultato di una serie di fusioni e acquisizioni, tra cui quelle del 2008 di Bear Stearns e Washington Mutual, due protagonisti falliti della crisi dei subprime. Morgan Stanley è sopravvissuta solo ricevendo la maggior parte dei fondi pubblici di emergenza stanziati al culmine della crisi dal governo statunitense. Eppure, tredici anni dopo, Wall Street regna di nuovo, più che mai, sul sistema finanziario occidentale.

L’istituzione più emblematica di questa dominazione: BlackRock

Oggi, l’istituzione più emblematica di questo dominio agli occhi del pubblico non è esattamente una banca. È un’organizzazione specializzata in investimenti in borsa, con sede a Manhattan (e con uffici in una dozzina di paradisi fiscali): BlackRock, leader mondiale nella gestione patrimoniale, gestisce 6.000 miliardi di dollari (tre volte il totale degli investimenti di tutte le compagnie di assicurazione in Francia). La mobilitazione per le pensioni ha evidenziato la sua influenza sul governo Macron. In Francia, ad esempio, possiede partecipazioni in diciotto società CAC40 [le 40 più grandi società francesi quotate in borsa, NdT]; ad esempio, più del 5% in ATOS, il cui CEO, Thierry Breton, è stato appena nominato Commissario Europeo. Non sarà una sorpresa sapere che il Presidente del Consiglio di Sorveglianza di BlackRock Germania, Friedrich Merz, è una delle personalità che potrebbero succedere ad Angela Merkel come Cancelliere Federale.

BlackRock fa parte del cosiddetto shadow banking, un gruppo di istituzioni che partecipano alla circolazione del denaro senza avere lo status di banca e senza essere soggette ai regolamenti e alla vigilanza che regolano la professione bancaria.

Questo peso dei mercati finanziari – in concreto, oggi, queste reti di sale di negoziazione in cui vengono scambiati titoli come azioni, obbligazioni, titoli del mercato monetario e tutti i “prodotti derivati” destinati a facilitare ogni forma di speculazione – è una caratteristica caratteristica delle economie nordamericane. Negli Stati Uniti le banche gestiscono solo il 23% degli attivi circolanti nel sistema finanziario (58% in Francia, 52% in Germania, 48% in Giappone). Per contro, la quota dei fondi pensione e di altri intermediari finanziari come i gestori patrimoniali come BlackRock e gli hedge fund è del 53% negli Stati Uniti, contro il 16% in Francia, il 22% in Germania e il 17% in Giappone. In altre parole, il finanziamento dell’economia, che in Europa è essenzialmente una questione negoziata tra le banche e i loro clienti, negli Stati Uniti comporta l’emissione di titoli che vengono poi scambiati tra organizzazioni la cui attività è quella di speculare sull’aumento o il calo dei loro prezzi. È questa cartolarizzazione, applicata al finanziamento da parte delle famiglie americane dei loro acquisti di abitazioni, che nel 2007 ha trasformato il cosiddetto “crash dei subprime” e la più grave crisi economica dalla seconda guerra mondiale.

Le banche concedono costantemente prestiti agli speculatori

Ciò non significa che le banche svolgano un ruolo secondario nel sistema finanziario statunitense. Al contrario, i mercati mobiliari funzionano solo perché le banche estendono costantemente il credito agli speculatori. Il denaro creato dal credito è la linfa vitale che alimenta il cancro finanziario, mentre il lavoro delle banche dovrebbe essere quello di alimentare la creazione di ricchezza attraverso il lavoro di donne e uomini.

Il sistema bancario americano è piuttosto frammentato. Ci sono quasi 6.000 banche, la maggior parte delle quali opera solo a livello locale. Tuttavia, ha subito un processo di concentrazione, prima con la liberalizzazione finanziaria degli anni ’80, che ha permesso alle holding bancarie di possedere filiali in diversi stati, e che ha portato all’abolizione nel 1999 della legge Glass-Steagall Act, che dal 1933 vietava alle banche commerciali di emettere, collocare o negoziare titoli sul mercato finanziario. Poi, le ristrutturazioni seguite alla crisi del 2007-2008 hanno rafforzato le dimensioni e il potere delle poche grandi banche che hanno un punto d’appoggio a Wall Street, soprattutto le più grandi: JP Morgan Chase, Bank of America, Goldman Sachs, Wells Fargo dominano il mercato monetario del dollaro, l’emissione di titoli del debito pubblico americano, le fusioni, le acquisizioni, la ristrutturazione del capitale delle multinazionali, la circolazione dei capitali e l’ottimizzazione fiscale, la fornitura di liquidità ai fondi di investimento, agli hedge fund e ad altri operatori del sistema bancario ombra.

Il cuore finanziario del mondo

Tutto sommato, Wall Street, alla punta di Manhattan, dove si trovano le sedi delle principali banche e della Federal Reserve di New York, è davvero il cuore finanziario dell’America; è anche il cuore finanziario del mondo.

Il dollaro è la valuta di fatturazione leader nel mondo per il commercio internazionale. Chiunque voglia commerciare in dollari deve quindi avere accesso al sistema bancario statunitense, che da solo può beneficiare del rifinanziamento da parte della Federal Reserve americana, l’equivalente, oltreoceano, della Banca Centrale Europea. Infatti, l’intera economia mondiale dipende dalle autorità americane. Un episodio molto significativo lo ha dimostrato. All’inizio della crisi del 2007-2008, la Federal Reserve statunitense ha stipulato accordi di swap con la BCE e altre banche centrali di tutto il mondo per poter fornire loro dollari in caso di emergenza. Senza questa azione, le banche europee che hanno bisogno di liquidità avrebbero rischiato la sorte di Lehman Brothers.

In effetti, l’egemonia del dollaro va ben oltre il suo ruolo esclusivo nella fatturazione delle transazioni commerciali. La valuta statunitense è la principale valuta di riserva internazionale e il 50% dei crediti bancari internazionali è denominato in dollari.

Così, solo uno Stato, gli Stati Uniti, ha il privilegio di emettere questa vera moneta mondiale liberamente e a costo zero. Poiché le imprese e i governi di tutto il mondo vogliono che le loro riserve internazionali siano denominate in dollari, la questione può assumere proporzioni enormi senza compromettere la credibilità della valuta statunitense o influenzare in modo incontrollabile il suo prezzo sul mercato dei cambi. Questo fa della moneta statunitense il principale vettore della globalizzazione finanziaria strutturata dalle multinazionali e polarizzata intorno a Wall Street.

Pericoli finanziari ed ecologici

“La frammentazione delle catene globali del valore delle multinazionali, la generale apertura alla globalizzazione finanziaria, il suo dominio del credito bancario per il sovraindebitamento e le operazioni speculative, per non parlare della proliferazione del sistema bancario ombra a sostegno delle frodi, della corruzione e del banditismo, hanno fatto esplodere l’uso e la necessità del dollaro.< “Drogato di dollari come mai prima d’ora, il mondo sta impazzendo al pensiero di esaurire i dollari. “(Yves Dimicoli, incontri internazionali “Cosa fare di fronte alla globalizzazione capitalista? “organizzato dal PCF e dalla rivista Économie et politique, il 7 e 8 febbraio).

Ma è anche per questo che l’egemonia del dollaro e di Wall Street non è mai stata così fragile. È messa in discussione dai pericoli crescenti che accompagnano l’attuale crisi della globalizzazione capitalistica. Pericoli finanziari: l’inflazione dei prezzi delle attività finanziarie, in particolare del debito pubblico americano, sta preparando un crollo ancora più clamoroso di quello del 2007. Pericoli ecologici: l’era del dollaro si identifica con quella del petrolio. Pericoli politici con la guerra economica di Trump contro la Cina, che è al tempo stesso uno dei principali creditori del Tesoro statunitense, e che ha preso diverse iniziative, insieme agli altri Paesi emergenti, per la creazione di istituzioni finanziarie internazionali emancipate dalla vigilanza degli Stati Uniti, al punto da proporre la sostituzione del dollaro con un nuovo strumento di riserva internazionale sviluppato sulla base dei diritti speciali di prelievo del FMI, un’idea già espressa da Paul Boccara nel 1983.

Il futuro della civiltà dipenderà quindi dalle possibilità di convergenza tra le molteplici sfide all’egemonia finanziaria e monetaria del neoimperialismo statunitense: quella dei Paesi emergenti, che si è espressa negli Stati Uniti anche con l’ascesa di una sinistra ostile a Wall Street, quella delle lotte per un modello sociale europeo emancipato dalla dittatura dei mercati finanziari. 

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here