Home Esteri Minacciata di chiusura, l’unica fabbrica di bombole di ossigeno in Francia dev’essere...

Minacciata di chiusura, l’unica fabbrica di bombole di ossigeno in Francia dev’essere nazionalizzata.

69
0

Introduzione e traduzione di Lorenzo Battisti (Dip. Internazionale)

Pubblichiamo questo articolo apparso sulla rivista scientifica del Partito Comunista Francese, Progressistes, perché riteniamo che sia di particolare interesse anche per noi in Italia. Questa crisi sanitaria sta evidenziando i limiti del sistema capitalistico e sta mostrando a tutti l’incompatibilità e la contraddizione tra gli interessi privati e quelli collettivi.

L’unica azienda francese che produce bombole di ossigeno di alta qualità, necessari per ospedali e pompieri è stata prima privatizzata e poi svenduta a un gruppo inglese, interessato a produrre dividendi per i propri investitori e non certo strumenti utili alla popolazione. Da qui la decisione di chiudere con tutti i mezzi, anche mafiosi, la fabbrica, contro le leggi francesi e nel disinteresse dei poteri pubblici. In questo articolo si mostra anche il disprezzo della dirigenza verso gli operai della fabbrica, trattati come sub umani, insultati, minacciati, calunniati; e della difesa estrema di questi stessi operai della loro fabbrica e dei suoi macchinari, nell’interesse proprio e della società francese tutta. La fabbrica si trova in un territorio che elegge da anni un deputato comunista, André Chassaigne, capogruppo comunista all’Assemblea Nazionale, che è stato sempre al fianco degli operai e che ha continuato a denunciare le inerzie del governo e i silenzi di chi doveva controllare.

La fabbrica è occupata dal 20 gennaio, cioè da prima che l’emergenza sanitaria arrivasse in Europa. Tutto questo non è stato fatto sospinti dall’emergenza, ma guidati da un sindacato, la CGT, che al contrario dei suoi omologhi italiani, ha mantenuto un carattere di classe e che non si è arreso alla concertazione e agli enti bilaterali.

Già ampiamente osteggiata dai dipendenti dell’azienda e dal loro sindacato CGT da oltre un anno, la chiusura dello stabilimento Luxfer di Gerzat è ancora più scandalosa nel bel mezzo della crisi del coronavirus. Con lo sviluppo di questa pandemia che causa disturbi respiratori, l’interesse strategico dello strumento industriale e il know-how dei dipendenti appare evidente. I dipendenti dell’azienda hanno appena lanciato una petizione, ripresa dal deputato comunista André Chassaigne e da altri rappresentanti eletti del Puy-de-Dôme [la provincia in cui si trova l’azienda], per la nazionalizzazione definitiva dell’azienda. Il sito è occupato dai dipendenti dal 20 gennaio 2020.

Un territorio già devastato…

Il Puy-de-Dôme ha già pagato un prezzo pesante per le strategie di delocalizzazione e di distruzione di posti di lavoro delle multinazionali. Dal 2016, il bacino industriale del dipartimento ha subito diverse centinaia di tagli di posti di lavoro presso SEITA, DIETAL, Flowserve, MSD, Michelin e lo zuccherificio Bourdon. L’abbandono di quest’area è un sintomo del rifiuto del governo e delle autorità locali non solo di svolgere un ruolo strategico, ma anche di far semplicemente rispettare la legislazione esistente.

Da parte dei rappresentanti eletti locali, sebbene il deputato Chassaigne e altri rappresentanti eletti del dipartimento siano in prima linea, la Regione e il suo presidente Laurent Wauquiez [ex presidente dei Repubblicani, il partito di Sarkozy] si rifiutano ancora di incontrare i dipendenti, nonostante le loro numerose richieste. Sul versante prefettizio, le commissioni di rivitalizzazione sono cessate dal febbraio 2019. Anche in questo caso, i dipendenti sono lasciati soli nonostante le loro proposte di creare una cooperativa o di essere rilevati dal gruppo cinese Jinjiang.

…abbandonato dallo Stato

A livello nazionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze sta moltiplicando gli attacchi contro i dipendenti e le prove della sua sottomissione al gruppo britannico. I suoi rappresentanti incaricati del caso, la signora Pannier-Runacher e il signor Ivon, si permettono di dare buca ai dipendenti della fabbrica. Quando questi ultimi vengono ricevuti, viene loro detto che lo Stato non è in grado di intervenire. Tuttavia, è sua responsabilità garantire che Luxfer rispetti il piano di rivitalizzazione, il piano di protezione dei posti di lavoro e facilitare la ricerca di un acquirente. I dipendenti stanno ancora aspettando l’ultima parola sulla non applicazione del piano di rivitalizzazione di Luxfer. Questo piano guidato dai dipendenti, che avrebbe dovuto salvare 55 posti di lavoro, non è mai stato attuato.  Il Ministero e l’azienda stanno facendo lo scaricabarile, senza che Luxfer si preoccupi del suo rifiuto di attuare il piano, in vigore dal dicembre 2019.

Floris, rappresentante del Ministero dell’Economia, ha rivelato le vere ragioni dell’abbandono dei dipendenti Luxfer durante la sua visita nel gennaio 2019. Ha detto ai sindacati: “I vostri posti di lavoro appartengono a Luxfer, i locali appartengono a Luxfer, le macchine appartengono a Luxfer, sono proprietà privata. Se un azionista ha deciso di rompere il suo giocattolo, indipendentemente dalle conseguenze, noi non interverremo”. Il cuore del problema sta in questo rifiuto di considerare che le autorità pubbliche possono contestare la gestione della produzione a grandi gruppi privati per metterla al servizio dell’interesse generale.

Violazioni del diritto del lavoro

Fin dall’inizio del conflitto, la dirigenza del gruppo ha moltiplicato i metodi illegali, anche mafiosi, senza preoccuparsi della giustizia. Oltre al rifiuto di applicare il piano di rilancio, il gruppo è accusato dalla DIRECCTE [l’agenzia regionale per la concorrenza, i mercati e il lavoro] di aver deliberatamente sottovalutato il numero dei dipendenti. Qualsiasi gruppo che impiega 1.000 dipendenti in Europa è soggetto alla legge Florange, il che implica maggiori obblighi di compensazione nei confronti dei territori e dei dipendenti. Il gruppo Luxfer ha dichiarato 500 dipendenti in Europa, ma la DIRECCTE ha potuto contarne almeno 976, un numero che gli stessi inquirenti considerano ancora più basso della realtà, senza poterlo dimostrare.

Anche il motivo dei licenziamenti è discutibile. Luxfer invoca il motivo economico introdotto dalle Ordinanze Macron per giustificare il licenziamento dei dipendenti protetti. Tuttavia, questo motivo è giustificabile solo in caso di forte concorrenza. Non è a priori il caso di Gerzat, che è una fabbrica unica nel suo genere a livello mondiale. La concorrenza cui fa riferimento Luxfer riguarda la produzione di estintori. Nessun estintore è prodotto a Gerzat. Del resto, l’ispettorato del lavoro ha respinto la ragione economica. Inoltre, nel suo comunicato stampa del primo trimestre del 2019, Luxfer Holding PLC ipotizza che lo smantellamento del sito sia più in linea con le considerazioni del mercato azionario che con una strategia industriale. Black Rock [il più grande fondo di investimento mondiale] l’ha capito bene quando ha investito 33 milioni di euro in azioni della società prima di venderle rapidamente e intascarsi una solida plusvalenza. Il rischio ora è che, come nel caso di Whirlpool, Copirel o SEITA, il Ministero possa convalidare il movente economico scavalcando il parere dell’ispettorato del lavoro.

In termini di riqualificazione, Luxfer è ben al di sotto dei suoi obblighi di legge. Solo il 15% dei dipendenti è stato riqualificato, di cui la metà con contratto precario e a più di 30 km da casa. Per oltre 4 mesi, Luxfer ha rifiutato di rispettare l’accordo PSE [Piano di salvaguardia dell’occupazione] firmato in prefettura rifiutando di rimborsare le spese di formazione. Il gruppo si è vantato con la DIRECCTE di averlo fatto consapevolmente per “dare una lezione di vita ai dipendenti”. In assenza di reazioni da parte della DIRECCTE o della Prefettura, sono stati i sindacati e i 100 dipendenti dell’azienda a dover mostrare la loro rabbia di fronte alla fabbrica per sbloccare la situazione.

Minaccia per le popolazioni

 Nel settembre 2019, l’ispettorato del lavoro ha bloccato un primo tentativo di smantellamento del sito. Ci sono state molte violazioni del diritto del lavoro: la mancata consultazione del CHSCT[il Comitato aziendale di igiene e di sicurezza sul lavoro], mettendo in pericolo le aziende vicine. Nel gennaio 2020 la direzione ha approfittato del diritto del lavoro e della cessazione dei mandati CHSCT, CE e DP [gli organismi aziendali in cui siedono i rappresentati eletti dai lavoratori] per liberarsi dei rappresentanti dei lavoratori senza istituire un CES. Una pratica senza rischi per la multinazionale che rischia solo 7500€ di multa. Il 13 gennaio 2020, il gruppo ha tentato in modo del tutto illegale di intraprendere la distruzione del sito. Questa operazione infine interrotta ha rappresentato un grave pericolo per la popolazione, poiché le macchine ancora collegate contenevano fino a 14 tonnellate di petrolio, il che implica rischi ambientali, sanitari e di incendio.

Il 20 gennaio, le attrezzature di demolizione sono arrivate davanti all’impianto. I dipendenti hanno poi requisito la fabbrica, di fronte alla passività dello Stato. Da allora, circa 60 dipendenti si sono alternati giorno e notte per occupare e proteggere il sito in attesa che le autorità pubbliche si assumano le loro responsabilità. Non c’è dubbio che i dipendenti hanno reso un grande servizio alla popolazione, e anche allo Stato, che si rifiuta di difenderli, dal momento che la fuga del gruppo Luxfer potrebbe lasciare il conto della bonifica nelle casse pubbliche, per una somma compresa tra i 2 e i 20 milioni di euro.

Pratiche mafiose

Fin dall’inizio del conflitto, la direzione del gruppo ha giocato molti brutti scherzi. Le sue molteplici accuse diffamatorie volte a giustificare il licenziamento per colpa grave sono state sistematicamente negate dal Servizio informazioni territoriali e hanno portato alla sospensione del PES. Luxfer è arrivata al punto di accusare i dipendenti di aver rapito il direttore, di aver molestato un ingegnere che non era più sul posto o di aver pianificato di far saltare in aria l’edificio amministrativo. Queste accuse sono ovviamente false.

I membri della direzione si sono spinti fino a venire in fabbrica a dire ai dipendenti: “Non vi siete dati i mezzi per avere successo nella vita, è normale che siate licenziati”, “A differenza di noi dirigenti, come operai non vi siete dati i mezzi per sostenere adeguatamente la vostra famiglia”, “Siete persone incivili”. Il direttore stesso ha insultato i dipendenti attraverso la sua finestra. I membri del personale eletti sono stati seguiti a Gerzat da “guardie del corpo” giurate chiamate dalla direzione. Durante 14 mesi di lotta, i dipendenti sono stati sottoposti a queste pratiche mafiose. Denunciati alla DIRECCTE, questi insulti e intimidazioni non sono stati per il momento sanzionati.

Luxfer a Gerzat, tutto tranne che un giocattolo…

L’uscita del signor Floris dalla fabbrica del “giocattolo degli azionisti” è un insulto ai dipendenti in questo contesto di guerra dei datori di lavoro. Riflette anche la totale mancanza di strategia industriale da parte del governo. Come si può descrivere in questo modo questa fabbrica, costruita nel 1939 per le esigenze degli armamenti e che da allora ha saputo adattarsi ai cambiamenti del settore metallurgico? Prima di essere svenduta a Luxfer, era sotto il controllo di Péchiney, allora società nazionale, che il sito aveva i suoi momenti migliori. Le macchine ora destinate alla distruzione da parte di Luxfer sono ereditate da questo periodo Péchiney, quindi sono state finanziate con denaro pubblico.

Con questo eccezionale sito industriale, Luxfer ha l’unica fabbrica che produce bombole di gas in alluminio ad alta pressione di altissima qualità. Nel complesso, tutta la produzione dello stabilimento di Gerzat è di grande interesse strategico, tanto più che la pandemia di coronavirus sta evidenziando la necessità di assistenza respiratoria. La produzione comprende attrezzature per l’ossigenoterapia, in particolare bombole di assistenza respiratoria per ambulanze e ospedali, ma anche SCBA (Self Contained Breathing Apparatus) per i vigili del fuoco. Vi è quindi tutto il necessario per rendere questo sito industriale di interesse nazionale e per metterlo sotto il controllo collettivo, come richiesto dal sindacato.

Luxfer sta ora dimostrando che una società privata la cui strategia è determinata esclusivamente sulla base del profitto degli azionisti non è in grado di garantire efficacemente queste produzioni di interesse generale. Il gruppo britannico sta utilizzando il suo monopolio nel settore per abbassare la gamma di prodotti mantenendo prezzi elevati e garantendo margini più elevati. Con la chiusura dello stabilimento di Gerzat, Luxfer sottrae alla società apparecchiature mediche di qualità solo in nome della redditività. In quanto principali clienti di questi prodotti, attraverso la previdenza sociale o direttamente dai bilanci statali, le autorità pubbliche dovrebbero sentirsi in dovere di preservare l’industria in pericolo. Purtroppo non è così. Il governo francese sembra deciso ad assecondare la rottamazione.

Imporre la nazionalizzazione e l’organizzazione dello sviluppo di un settore industriale.

L’epidemia di Covid-19 rivela l’urgente necessità di un’organizzazione industriale al servizio dell’interesse generale. La chiusura dell’unica fabbrica in grado di produrre bombole di ossigeno per uso medico nel bel mezzo dell’epidemia rivela l’incompatibilità tra le esigenze della popolazione e la gestione da parte dei soli capitalisti. Nazionalizzando questa azienda strategica, lo Stato può mettere lo strumento di produzione al servizio dei bisogni urgenti delle apparecchiature mediche.

Questa operazione dovrebbe essere parte di una strategia globale e di lungo termine volta a rimuovere i settori economici strategici dalla gestione basata esclusivamente sul criterio della redditività. Con la costruzione di un vasto settore industriale della sanità pubblica, che va dai farmaci all’ossigeno medicale, è possibile coniugare la soddisfazione dei bisogni e l’elevazione dei diritti dei dipendenti, non solo in termini di orario di lavoro e di retribuzione, ma anche in termini di poteri di gestione e di organizzazione della produzione.

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here