Home Esteri Asia La PCFR è per una costituzione della giustizia e del governo del...

La PCFR è per una costituzione della giustizia e del governo del popolo.

72
0

Dichiarazione del Presidio del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa

Il 1° luglio è stata annunciata la data del voto sugli emendamenti alla Costituzione russa. Alcuni di essi sono importanti e promettenti. Tuttavia, nel complesso non sono favorevoli alla rinuncia al l’autoritarismo presidenziale e al potere dell’oligarchia. Gli emendamenti introdotti non fanno della Russia uno Stato sociale. Non proteggono la società dall’impatto distruttivo della russofobia e dell’antisovietismo.

La posizione del Partito Comunista della Federazione Russa sul “voto di tutta la Russia” si basa su conclusioni concrete e principi fermi.

1. Non abbiamo votato per la costituzione di Eltsin, approvata nel 1993. Questo documento è saturo del sangue dei difensori della Casa dei Soviet, del fumo della guerra in Cecenia e delle lacrime degli umiliati e dei derubati. Ha legittimato la privatizzazione ladrona, ha aperto le porte alla decimazione dell’economia e della sanità, della scienza, della cultura e dell’istruzione. Da allora il nostro partito si è battuto strenuamente per una revisione della costituzione sulla base del principio chiave: potere e proprietà al popolo.

2. Quando è stata lanciata la riforma costituzionale ci siamo subito uniti a questo processo. Il CPRF ha presentato 108 emendamenti alla legge principale. Abbiamo chiesto un’ampia discussione di questi emendamenti. Le autorità hanno di fatto ignorato 15 disposizioni chiave che miravano a un drastico cambiamento del corso socio-economico. La maggioranza parlamentare di Russia Unita ha respinto tutte le nostre leggi che avrebbero migliorato la posizione dei lavoratori.

3. Gli emendamenti posti in votazione il 1° luglio non modificano l’essenza della legge principale in base alla quale la Russia è stata fatta vivere nell’ultimo quarto di secolo. Il “partito di governo” rifiuta di fatto di cambiare la rotta della nave “Russia” in modo pacifico e democratico. La nuova edizione della Costituzione rafforza il diktat presidenziale e consolida il governo oligarchico che porta il Paese verso una catastrofe. Se non si cambia rotta nell’interesse della gente oggi il Paese vedrà fratture sempre più profonde, una grave crisi e il caos. Osserviamo che il capitalismo speculativo globale è in disordine. È ora di smettere di prendere spunto dal capitalismo senile e di dirigersi verso una società di giustizia e di progresso a tutto tondo, verso una società socialista.

4. Le modifiche alla legge principale non possono essere adottate in fretta. Abbiamo già chiesto la convocazione di un’Assemblea Costituzionale e presentato un progetto di legge su come formarla. Invece Russia Unita ha affrettato l’approvazione degli emendamenti attraverso la Duma di Stato. Sono stati prontamente approvati dal Consiglio della Federazione. Il Presidente ha annunciato che sono stati approvati. In queste condizioni il voto del 1° luglio ha in gran parte un carattere rituale. Non ha lo status di referendum ed è in contrasto con la legge elettorale. Tutto questo è un’ulteriore prova della falsità della democrazia borghese.

5. Il Comitato elettorale centrale organizza il “voto di tutta la Russia” secondo una procedura dubbia. La votazione non sarà effettuata su ogni emendamento concreto. Si può votare solo “a favore” o “contro” tutti gli emendamenti contemporaneamente. La porta è spalancata per le manovre di voto. La votazione durerà diversi giorni. Le autorità esortano le persone a votare per via elettronica o per posta, il che pone il processo al di fuori del controllo pubblico. È un banco di prova per nuovi metodi di falsificazione delle future elezioni.

6. Ciò che sta accadendo mina la legittimità dei risultati in anticipo. Le autorità si sottraggono a un dialogo a tutto campo e, passo dopo passo, mettono in discussione il quadro giuridico su cui dovrebbe basarsi lo Stato russo. Questo dà mano libera agli avventurieri politici che sono pronti a minare la pace civile e a mettere la loro posta in gioco sul caos secondo lo scenario Maidan dei Bandisti. La Russia non deve ripetere la tragedia del popolo ucraino.

7. La vera politica richiede la partecipazione attiva delle masse. Un boicottaggio del voto ” di tutta la Russia ” non servirà a nulla. Essere cittadini significa lottare per il destino del Paese. Le autorità devono conoscere la posizione dei cittadini e fare i conti con la loro volontà. Siamo sicuri che tutti dovrebbero esprimere la loro opinione in base alla propria coscienza e alla preoccupazione per il futuro dei loro figli e dei loro nipoti. Tutti devono decidere se votare per una nuova edizione della costituzione di Eltsin. La nostra risposta è no. Non possiamo sostenere questo documento. Così è stato nel 1993 e così sarà anche adesso.

8. Il PCFR propone una profonda revisione della Legge Principale. I cambiamenti cosmetici non serviranno. I bisogni fondamentali del Paese e della popolazione non possono essere ignorati. Pertanto continueremo a sostenere la convocazione di un’Assemblea Costituzionale. Un voto onesto e legittimo. Un vero e proprio referendum. Una costituzione del governo del popolo e della giustizia.

La nostra alternativa è un programma di mobilitazione della Russia per assicurare un movimento dinamico di progresso. Prevede la creazione di un governo fiduciario popolare, la nazionalizzazione dei settori chiave dell’economia, la pianificazione strategica e tattica, la realizzazione di un bilancio per lo sviluppo, il rilancio della scienza e della cultura, l’istruzione e la sanità, la soppressione dei piani per innalzare l’età pensionabile, il sostegno alle imprese popolari e una serie di altre misure.

La pandemia di coronavirus e l’ondata di panico hanno aggravato i fenomeni di crisi dell’economia mondiale. Questo genera malcontento in milioni di persone. È scoppiata anche negli Stati Uniti, che sono stati travolti dalle rivolte nelle strade. Il capitalismo globale non è in grado di affrontare i problemi che esso stesso ha generato. La crisi sistemica rappresenta una minaccia mortale per il mondo. Solo i principi socialisti possono scongiurarla. Il PCFR vuole che siano inclusi nella legge principale e che siano attuati con fiducia e fermezza.

Gennady Zyuganov, Presidente del CC PCFR

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here