Home Dai territori Solidarietà col PC Polacco, il PCI non abbasserà la guardia!

Solidarietà col PC Polacco, il PCI non abbasserà la guardia!

501
0

A cura della Federazione PCI di Roma

 

Questa è stata, in Italia, una settimana di mobilitazioni di solidarietà a sostegno del Partito Comunista Polacco, promosse dal PCI ( Partito Comunista Italiano) e da un folto numero di promotori (esponenti politici, intellettuali, accademici, personalità dell’arte e dello spettacolo), che hanno redatto un Appello, al quale sono state riconosciute tantissime adesioni.

In Polonia, una dura campagna di repressione contro il Partito Comunista, che data ormai diversi anni e che con l’attuale governo si è intensificata, ha portato al fermo ed all’arresto di militanti comunisti, all’oscuramento dei loro siti Internet e dei loro profili Social.
Tutto ciò, avvolto dal silenzio mediatico, ha suscitato in Italia (ed anche in altri Stati, in Europa ed oltreoceano, dove iniziano ad attuarsi analoghe iniziative) una legittima reazione: tra il 3 ed il 4 dicembre si sono tenuti sit-in di solidarietà di fronte alle Ambasciate o ai Consolati di Polonia, in diverse città (Bologna, Napoli, Ancona, Torino, Palermo, Genova, Milano…).

sostieni il partito

L’evento conclusivo si è svolto a Roma, giovedì 6 dicembre: un gruppo di manifestanti, in rappresentanza del PCI, della FGCI, della Rete dei Comunisti e dell’ANPI, ha attestato la propria solidarietà ai compagni e alle compagne della Polonia, esibendo striscioni di fronte all’Ambasciata di Polonia, sita in Via Pietro Paolo Rubens.
L’Ambasciata ha accolto la richiesta, presentata da una delegazione del PCI, di poter essere ricevuta: la Segretaria della Federazione del PCI di Roma, la compagna Cristina Cirillo, con il compagno Gaetano Seminatore, membro della Segreteria, sono stati invitati all’interno dell’Ambasciata, ove hanno potuto consegnare personalmente al rappresentante dell’Ambasciatore, Mr. Szymon Wojtasik (Chargé d’affaires a.i.) copia dell’Appello.

L’incontro si è svolto all’insegna della massima cordialità ed è stata data assicurazione che il documento sarà inoltrato al governo polacco; naturalmente, tale cordialità lascia inalterata la gravità delle azioni repressive perpetrate in Polonia nei confronti del Partito Comunista, che già dal 2009 le autorità polacche minacciano di voler porre fuori legge.
Per tale ragione non si abbasserà la guardia, in questa battaglia di SOLIDARIETA’ AL PARTITO COMUNISTA POLACCO!

iscriviti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Solve : *
21 + 27 =